In 35 a Sant’Angelo Muxaro

sidebar-ad

Oggi le verifiche della prima edizione della corsa agrigentina. Domani le 3 manches di gara

Sono 35 gli iscritti che si presenteranno in Piazza Umberto I per le verifiche del 1* Slalom Cittá di Sant’Angelo Muxaro. Le “Sportive” si svolgeranno oggi dalle 15.00 alle 19.30 e domani dalle 7.15 alle 8.00. Le “Tecniche” dalle 15.30 alle 19.00 e dalle 7.15 alle 8.30. La competizione si svolgerà su 3 manches (oltre ad una salita di ricognizione). Le premiazioni saranno anticipate da una sfilata di auto d’epoca lungo le vie della cittadina agrigentina. La corsa è organizzata dal Team Palikè e sarà diretta da Graziano Basile.

Tra i papabili alla vittoria i “veterani” del Gruppo Sps Giuseppe Gulotta (Ionia Corse) e Nicolò Incammisa (Catania Corse) entrambi al volante di una Radical SR4 motorizzata Suzuki. Nella divisione Onofrio Alba, su vettura auto costruita, tenterà il tutto per tutto per salire sul gradino più alto del podio. Il Gruppo S con 10 contendenti è il più “affollato”. Con 2 “piccole” 126 saranno della partita Diego Tummiolo e Giuseppe Gennaro. Altrettante 127 saranno condotte da Andrea Mazarese e Gianfranco Ficara. Tra gli altri saranno in cerca dell’alloro: Pietro Livorsi ( A112 Abarth), Modesto Sollima (Peugeot 205), Alessandro Cusimano (Opel Corsa), Maurizio Anzalone (Renault Clio), Stefano Messina (Fiat Uno Turbo) e Vincenzo Sferruzza (Renault 5 GT turbo). Sfida a due tra i Prototipi con Biagio Salamone (Renault Clio Kawasaki) in lotta con Giuseppe Dell’Utri (Fiat 126 Kawasaki). Antonio Guttilla (Peugeot 106 Rally N3) è l’unico Under 23 al “via”. In “N” anche Alessandro Caltagirone e Salvatore Scifo (entrambi su Peugeot 106), Francesco Romeo (MG), Salvatore Mula e Michelangelo Arcuri (su Renault Clio). In “A” Leandro Infantino (Fiat Seicento), Mario Bellanca (Peugeot 205), Giuseppe Livrizzi, Ivan Brusca e Michele Russo (tutti su Peugeot 106), Carmelo Arcuri (Renault Clio). Gara solitaria per Rosario Prestianni (Kawasaki) tra le VST. Ai nastri di partenza anche due Storiche: La Giannini 650 di Calogero Bono e la 600 Abarth di Pietro Amorello.Sono 5, infine, i piloti dell’Attivitá di Base: Angelo Polizzotto e Silvestro Romano (A112Abarth), Pietro Costantino (Renault 5 GT Turbo), Mario Pisa (126 Kawasaki) e Salvatore Fara (126 Turbo).