Debutto messinese

Gli sterrati della provincia di Messina hanno ospitato la prima prova del Regionale Minienduro e del Trofeo Regolarità. Aldo Crea e Giuseppe Vernagallo i più veloci

Gli sterrati messinesi hanno ospitato la prova d’apertura del Campionato Regionale Minienduro. La corsa, organizzata da Moto Club Valle Alcantara, ha anche ospitato i “Regolaristi” protagonisti del Trofeo dedicato alle moto d’epoca. Tra i giovani conduttori della “Mini” il più veloce in assoluto è risultato il vincitore della “125” Aldo Crea. Il portacolori del Messina Factory è stato il più veloce in sette delle otto Prove Speciali disputate. Dietro di lui, sia nella categoria sia in un’ipotetica classifica Assoluta, si è piazzato Salvatore Natalello (Enduristi Agrigentini). Terzo tempo “generale” per il dominatore della Aspiranti 85 Antonio Costantino. Danilo Indemburgo è salito sul gradino più alto del podio della Codice mentre Alfio Pulvirenti (Valle Alcantara) ha “firmato” la vetta della Esordienti. Tra i giovani conduttori della Baby l’alloro è andato a Marco Roccella (Fathers & Sons). Successo in solitaria per Antonio Chillè (Peloro) nella Aspiranti 50.

Tra i 30 “Regolaristi” in lizza il più lesto è risultato Giuseppe Vernagallo. L’alfiere del Moto Club Regolarità 70 si è imposto nella “125” su Riccardo Terranova (Bergamo) e su Marcello Cullurà (Valle Alcantara). Secondo tempo della giornata per Gianluca Grilletto (Bikers Palermo) primo nella “80” ai danni di Giuseppe Costantino (Tegolarità 70) e Paolo Caruso (Fathers & Sons). Marco Pagnano (Nicolosi Etna), quarto nella “Generale”, ha perentoriamente dominato la “Oltre”. Piazza d’onore per Giuseppe La Sala (Regolarità 70) seguito da Alessandro Volpe (Sanmazzeo Enduro). Sfida a tre nella “Epoca Unica X” con Angelo Aversente, Nicolò Ferreri (Tritone) e Filippo Costanzo (Sicilia) nell’ordine in graduatoria. Nel confronto a due nella “Unica” Luigi Colajanni (Bergamo) ha primeggiato su Pietro Cataldo (Monreale).

 

Le classifiche

MINIENDURO

125: 1. CREA (SUZUKI) in 24’20.43; 2. NATALELLO (KTM) a 1’09.83; 3. CARUSO (HUSQVARNA) a 1’59.02; 4. PIPARO (KTM) a 3’13.63; 5. MUSUMECI (KTM) a 5’59.76.

BABY: 1. ROCCELLA (KTM) in 34’13.11; 2. SCANDURRA (KTM) a 3.71; 3. PIAZZA (KTM) a 6’28.11.

ESORDIENTI: 1. PULVIRENTI (KTM) in 27’11.51; 2. RABITO (KTM) a 2’16.11; 3. MOLLICA (KTM) a 6’51.95; 4. BOCCONI (KAWASAKI) a 8’08.22; 5. RAPISARDA (KTM) a 9’25.68; 6. RUSSO (KTM) a 10’35.03; 7. AMMOSCATO (KTM) a 14’26.84;

ASOIRANTI 50: 1. CHILLE’ (SUZUKI) in 28’11.17.

ASPITANTI 85: 1. COSTANTINO (HUSQVARNA) in 25’57.74; 2. SIDOTI (KTM) a 1.30; 3. FERRO (ACCOSSATO) a 4.17; 4. SANFILIPPO (HUSQVARNA) a 18.73; 5. CUVA (KTM) a 28.76; 6. TELLINI (HUSQVARNA) a 1’13.93; 7. BARONE (KTM) a 2’04.26; 8. MESSINA (HUSQVARNA) a 2’16.12; 9. ROGATO (KTM) a 2’46.04; 10. BENTIVEGNA (KTM) a 3’22.24; 11. COSENTINO (KTM) a 4’35.53; 12. SCALZO (KTM) a 7’01.91; 13. CARDILE (KAWASAKI) a 10’31.63; 14. PARISI (HONDA) a 12’50.21; 15. MESSINA (KTM) a 17’11.27.

CODICE: 1. INDEMBURGO (SUZUKI) in 26’44.24; 2. CATALDO (BETA) a 3.59; 3. CATALDO (BETA) a 2’22.55.

 

REGOLARITA’

125:  1. VERNAGALLO (PUCH) in 25’02.26; 2. TERRANOVA (CAGIVA) a 39.52; 3. CULLURA’ (KTM) a 1’30.45; 4. FARAONE (SWM) a 2’49.17; 5. D’ARPA (CAGIVA) a 2’53.88; 6. BUSA’ (FANTIC) a 3’21.51; 7. VITALE (KTM) a 11’11.99.

80:  1. GRILLETTO (AIM) in 25’29.86; 2. COSTANTINO (APRILIA) a 1’11.27; 3. CARUSO (FANTIC) a 2’29.00; 4. FICAROTTA (TRANS AMA) a 2’53.48; 5. TALAMO (PUCH) a 3’25.57; 6. GURRIERI (FANTIC) a 4’27.33; 7. GUGLIELMO (FANTIC) a 5’02.71.

OLTRE:  1. PAGNANO (KRAMER) in 26’03.69; 2. LA SALA (APRILIA) a 40.64; 3. VOLPE (VILLA) a 56.27; 4. PEDACI (KTM) a 1’11.89; 5. CAPRI’ (SWM) a 2’04.44; 6. SCIURBA (GORI) a 3’01.61; 7. BIONDO (SWM) a 3’40.21; 8. MENNITI (KTM) a 3’49.24; 9. PIAZZA (KTM) a 4’15.87.

UNICA: 1. COLAJANNI (SIMONINI) in 31’06.54; 2. CATALDO (MOTO GUZZI) a 6’40.31.

UNICA X: 1. AVERSENTE (MAICO) in 27’45.23; 2. FERRERI (ACCOSSATO) a 51.24; 3. COSTANZO (ANCILLOTTI) a 1’08.48.