Mannino primo al Santuario

Natale Mannino ha conquistato il Terzo Raggruppamento facendo segnare il miglior crono della giornata. Tra le moderne successo di Antonio stagno

Natale Mannino (Festina Lente) è stato il più veloce della Cronoscalata del Santuario. La corsa, valida come sesto appuntamento del Campionato Italiano Velocità Salita Auto Storiche, ha visto il palermitano a bordo di una performante Porsche 911 curata da Mimmo Guagliardo fermare i cronometri a 7’14”12. Il risultato ha permesso a Mannino di trionfare nel Terzo Raggruppamento.

Vincere la Cefalù Gibilmanna con una macchina tutt’altro che agile come può essere una sport – ha dichiarato Mannino – è un sogno che si avvera. Di questa gara ho un ricordo straordinario di quando ero bambino e mio padre mi accompagnava a vederla. È un percorso molto impegnativo ma dalla straordinaria bellezza. La Porsche messa a disposizione da Guagliardo è stata in crescendo e ci ha portato a questo risultato. Ovviamente un ringraziamento tengo a farlo a lui ed ai ragazzi che hanno preparato al meglio la vettura“.
Secondo di un’ipotetica classifica assoluta il milanese Andrea Pezzani. Vincitore del “Quarto” ai danni del pisano Piero Lottini e del “nostro” Angelo Diana su BMW 2002 TI con i colori della Scuderia Pegaso. Costretto al ritiro lo scalatore di lungo corso Ciro Barbaccia per noie al pescaggio del carburante della Osella PA 6/90 dell’ASPAS che lo ha tradito dopo aver fatto segnare il miglior crono nella prima frazione di prove del sabato. Attardato per lo stesso problema di pescaggio il figlio Andrea che sul finale è stato costretto ad alzare il piede della sua Paganucci. Malgrado l’inconveniente ha chiuso secondo di Classe BC oltre 2000 del Raggruppamento.
Ai piedi del podio della “generale” il trionfatore del “Secondo” Claudio La Franca su Porsche Carrera RS autore di un 7’24.56 che lo ha porta davanti ai conterranei Raffaele Picciurro della Island Motorsport e Mauro Lombardo (entrambi su vettura gemella).
Pierluigi Fullone non ha disatteso le aspettative “firmando” il Primo Raggruppamento su BMW 2002 Ti.

stagnoTra le Moderne ancora una Porsche di Guagliardo sul gradino più alto del podio. Il rallista di lungo corso Antonio Stagno ha portato al successo la Porsche 997 GT3 per l’Island Motorsport “nonostante – ha affermato Stagno – le coperture montate sulla vettura non fossero le migliori per esaltarne le prestazioni“. Seconda piazza e primato tra le monoposto E2M per l’alcamese Dino Blunda su Speed Race Suzuki della Festina Lente. Primo di Gruppo A il figlio d’arte Ernesto Riolo. Il cerdese si è presentato allo Start con la Peugeot 106 Kit di classe A1600 a tenere alti i colori della scuderia di Gioiosa Marea CST Sport.