“Monti Iblei“ da record

sidebar-ad

Superato il muro dei 200 iscritti alla 59° edizione della Monti Iblei. La corsa sarà valida per il Tivm Sud e per il Regionale Autostoriche. Oggi le Verifiche Tecniche e Sportive e domani le Prove Ufficiali. Domenica si entrerà nel vivo con la prima delle due salite a partire dalle 9.00

La 59a Salita dei Monti Iblei si prospetta un’edizione da record. A partire dal numero di iscritti, ben 205 piloti (lo scorso anno è stata toccata quota 190). La corsa, organizzata dal Team Palikè e diretta da Lucio Bonasera, sarà valida per il Tivm (con 164 rappresentanti). Ai nastri di partenza anche 41 conduttori tra le Autostoriche in lotta per il “Regionale”.

A fare la parte del “leone”, per numero di presenze in gara, saranno vetture Prototipo, ben 30 ai nastri di partenza. Stesso numero di conduttori al “via” anche in “N“ seguito dal Gruppo E1 Italia (29). Divertimento assicurato anche tra Le Bicilindriche, con ben 27 “pepate” Fiat 500 e Fiat 126 a darsi battaglia sui 5,500 km del tracciato chiaramontano. Seguono i Gruppi A (18), E1A (10), Racing Start, Racing Start Plus, E1N e E2SH (5).

Tra i favoriti alla vittoria il catanese Domenico Cubeda (Osella PA2000 Evo Honda – nella foto) punterà ad aggiungere il terzo alloro nel proprio palmares dopo le affermazioni del 2014 e 2015. Tra i sicuri contendenti figurano i marsalesi Vincenzo e Francesco Conticelli, padre e figlio (secondo e terzo assoluti lo scorso anno), su Osella PA30 Zytek ed Osella PA2000 Evo Honda, così come i comisani Gianni e Samuele Cassibba (pure loro padre e figlio) a loro volta alla guida di una Clw Wolf GB08 Mugen e di una Tatuus F. Master Honda. Non mancherà l’appuntamento il busetano Giuseppe Castiglione, della partita a bordo di una monoposto Tatuus F. Master Honda. Tra i conduttori di casa tenteranno il tutto per tutto Orazio Marinelli (Breda Racing motorizzata Bmw), Giovanni Nicastro (al debutto su Tatuus F. Master Honda) e Luca Cavallo (Renault Clio Rs R3C).

Tra le Autostoriche, riflettori puntati sull’esperto palermitano (di Marineo) Ciro Barbaccia su Osella Stenger ES 861 Bmw (già utilizzata in passato dal cerdese Totò Riolo), vincitore a Chiaramonte Gulfi nell’edizione 2015, davanti al messinese di origine (ma palermitano di adozione) Manlio Munafò (Lucchini SN89 Alfa Romeo).

Otto, in totale, i portacolori maltesi capitanati dall’esperto Joe Anastasi (Mini Cooper 1500 E2SH), alla settima Monti Iblei della sua carriera. Non mancheranno Darren Camilleri (Reynard 903 Suzuki 1.3), Edward Calleja (Lotus Elise Honda 2.0), James Dunford (Radical PR6 Suzuki 1.4), Jesmond Mangion (Lotus Elan Cosworth 2.0), Mark Micallef (Radical ClubSport Suzuki Turbo), Noel Galea (Ford Escort MK2 Vauxhall 2.0) e Ryan Mangion (Ford Escort MK1 Turbo 1.6).

Immutato il tradizionale e collaudato percorso di gara della lunghezza di 5,500 km. Il tracciato è ricavato sulla Strada Provinciale 7. Lo “start” è individuato nelle immediate adiacenze della zona artigianale, la bandiera a scacchi verrà sventolata in prossimità del centro abitato di Chiaramonte Gulfi, non lontano dalla via Togliatti. Il percorso presenta un dislivello, tra partenza ed arrivo, pari a 410 metri, con pendenza media del 6,68%.

Nuova “location”, invece, per le operazioni preliminari. Oggi si terranno le verifiche sportive (dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 19.30, negli uffici del Palazzetto dello Sport di Chiaramonte Gulfi, in viale Giuseppe Nicosia), mentre le “tecniche” si svolgeranno presso l’attiguo piazzale Matteo Gafà, al Villaggio Gulfi, dalle 11.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 20.00.

Domani, invece, sarà tempo di motori con le prove ufficiali a partire dalle 9.00. Il semaforo verde per la prima delle due salite cronometrate si accenderà domenica 28, ancora una volta alle 9.01 (dopo un minuto di silenzio per le vittime del recente terremoto che ha colpito il Centro Italia). A seguire si disputerà Gara 2. Il percorso di gara sarà chiuso al transito veicolare dalle 7.00 di sabato 27 e domenica 28 agosto.

Piazza Duomo, “salotto buono” di Chiaramonte Gulfi, ospiterà il parco chiuso a fine manifestazione, a due passi dal Municipio, dinanzi la Basilica di Santa Maria La Nova, Chiesa madre di Chiaramonte Gulfi. La premiazione si terrà ad apertura di parco chiuso nei locali della Sala Comunale polivalente “Leonardo Sciascia”, l’ex Chiesa di San Francesco, attigua al Municipio, in corso Umberto I.