Gulotta domina “Grotte”

home-ad

Giuseppe Gulotta, dopo il successo a Novara di Sicilia, è salito nuovamente sul gradino più alto del podio assoluto. Allori anche per Calogero Bono (Storiche) e Pietro Tavormina (Attività di Base)

Come da pronostico Giuseppe Gulotta (Radical SR4 Suzuki – nella foto) si è imposto al “Città di Grotte”. La corsa agrigentina, organizzata dal Team Paliké, è stata valida come 12° prova del Campionato Siciliano della specialità. Il busetano ha scritto il proprio nome sull’albo d’oro della corsa in virtù del crono fatto segnare nella seconda salita (103,44). Primo anche nella manche d’apertura (106,44), ha ulteriormente migliorato la propria prestazione nella successiva frazione. Nell’ultima manche ha ulteriormente cercato il miglior crono venendo, però, rallentato da un birillo (113,69). Alle sue spalle, sia nella “Generale” sia nella SPS, si è piazzato il veterano Andrea Raiti (Osella PA21S). Anche in questo caso decisiva è risultata la seconda salita (111.38). A chiudere il podio, Assoluto e di Gruppo, Nicolò Incammisa (Radical SR4 Suzuki) con 111,92 punti. Appena fuori dalla “Top Five” il rientrante Filippo Costa (Gloria C8), sesto assoluto e primo tra gli Under 23. Negli altri Gruppi successi di: Domenico Gangemi (A), Alfio Bonanno (Bicilindriche), Modesto Sollima (E1 ITA), Filippo Costa (E2SS), Ignazio Bonavires (N), Giuseppe Dell’Utri (PS), Antonello Costa (RS) e Pietro Livorsi (SS). Cinque le “Storiche” in gara con, nell’ordine in graduatoria, Calogero Bono (Fiat 500), Salvatore Parisi (Fiat Uno Turbo), Michele Ragusa (A112 Abarth), Gerlando Alletto (Volkswagen Golf Gti) ed Ignazio Sorce (Fiat Abarth 1000 OTS). Tra i concorrenti dell’Attività di Base Piero Tavormina (Fiat Uuno Turbo) si è imposto sul filo di lana su Giovanni Leo (Fiat 127). Terzo, più distaccato, Angelo Polizzotto (A112 Abarth).