Giarre-Milo: pioggia e nebbia, annullate le prove ufficiali

Dopo una lunga attesa il Direttore di Gara ha preferito far affrontare il tracciato in fila indiana ai 177 piloti

La cronoscalata Giarre-Milo, domani (inizio ore 9) si disputerà (meteo permettendo, ma le previsioni sono buone http://www.meteo.it/meteo/giarre-87017), senza che si siano potute svolgere oggi le prove ufficiali.

Il Direttore di Gara, Michele Vecchio, ha atteso sino alle ore 12 sperando in un miglioramento del meteo, ma ha preferito far affrontare il tracciato di gara di 6,4 km a tutti i 177 concorrenti (su 180 iscritti)  in fila indiana. Alle 15 è stata presa la decisione definitiva di non far disputare quella che sarebbe stata la seconda manche.

La gara,  organizzata dall’Automobile Club Acireale in collaborazione con la Scuderia Giarre Corse, valida per il Trofeo Italiano Velocità Montagna e 4° del Campionato Siciliano Salita auto moderne e storiche,  vede favorito il calabrese Domenico Scola (che con la Osella difende i colori della Scuderia Jonio Corse di Giarre) per la prima volta impegnato su questo percorso dove invece  il suo principale avversario il catanese Domenico Cubeda,  ha già vinto nel 2015. Outsiders il comisano Gianni Cassibba (Wolf GB08 Mugen/Catania Corse), il preparatore catanese (di Randazzo) Giuseppe Spoto ed il suo compagno di scuderia (la locale Jonio Corse) Luca Caruso entrambi su Radical Prosport Evo Suzuki, l’altro giarrese nonché Presidente della scuderia co-organizzatrice Orazio Maccarrone (Gloria C7P Suzuki, Giarre Corse), il trapanese (di Alcamo) Dino Blunda (Speads RM08 Suzuki/Festina Lente). Riflettori puntati pure sul trapanese (di Buseto Palizzolo) Giuseppe Gulotta (Radical SR4 Suzuki/Jonia Corse) ed il messinese Emanuele Schillace (Radical SR4 Suzuki/Tm Racing). Tra le Storiche favorito d’obbligo sarà il preparatore palermitano (di Marineo) Ciro Barbaccia al volante della “fida” Stenger ES861 Bmw 2.5. La divisione più “affollata” è quella animata dalle “Bicilindriche” con ben 24 iscritti.

Domani la premiazione avrà luogo nel piazzale antistante l’anfiteatro e la Casa comunale di Milo. Il percorso di gara presenta un dislivello, inteso tra partenza ed arrivo, pari a 473 metri, con pendenza media calcolata al 7,31%.