L’esame autoptico servirà per comprendere la causa del decesso e forse anche dell’incidente.

Il Sostituto Procuratore di Termini Imerese,  Paolo Napolitano, ha disposto l’autopsia che verrà eseguita oggi stesso sul cadavere di Mauro Amendolia. L’esito dell’esame autoptico consentirà al Magistrato di avere ulteriori certezze sulle causa del decesso,  e quindi su quelle dell’incidente,  per potere stabilire se vi sia stato o meno un malore prima dell’impatto. O se l’uscita di strada dipenda da altre cause (perdita di aderenza o cedimento meccanico).

Il Magistrato ha confermato anche la qualità delle immagini riprese dalla camera car,  sin dal via delle prova speciale e sino al momento dell’incidente. Anche se ovviamente, non si sbilancia sul contenuto delle stesse,  Non sono quindi confermate al momento le ipotesi di video che confermi un malore o invece una situazione di controllo della vettura.

Nel contempo è stata autorizzata la restituzione alla famiglia della salma dello sfortunato Commissario di Percorso, Giuseppe Laganà investito ed ucciso dalla Mini Cooper di Amendolia, e che adesso potrà tornare nella sua Lentini (Siracusa).

Dall’Ospedale Civico di Palermo, gli aggiornamenti sullo stato di Gemma Amendolia, rispetto all’ultimo bollettino medico,  confermano il coma profondo (non naturale) e l’impossibilità attuale di procedere ad un intervento chirurgico per ridurre l’ematoma. Oggi nel primo pomeriggio la navigatrice verrà sosttoposta ad una Tac all’encefalo