Tindari Rally: si apre con lo show di Cairoli, domani la gara

Tindari Rally nel pomeriggio l’esibizione del pluridato

A conclusione delle verifiche ante gara, del “Tindari Rally” svoltesi stamane nel centro di San Piero Patti (Messina) sono 106 gli equipaggi che stanno effettuando lo shake-down (sino alle 15) sulla SP 122 alle porte del comune nebroideo,  per mettere a punto le auto e scegliere le definitive regolazioni in vista della gara vera e propria. Che avrà inizio domani mattino – stasera cerimonia di partenza alle 20 – con il “via” alle prima vetture alle ore 8 e conclusione (dalle 17.15 gli arrivi), sempre sul lungomare di Patti Marina dopo 183,58 km di gara, 39,75 dei quali composti dalle sei frazioni cronometrate (due sole prove –  “San Piero Patti” e “Moreri” – da percorrere ciascuna tre volte). Riordinamenti e parchi assistenza sono ubicati presso la Zona Industriale di Patti.

Inserito nel programma della manifestazione il “Tony Cairoli Fest” per celebrare il 9° titolo mondiale del Campione di Cross. Oggi dalle 15.30 la conferenza stampa pubblica, alla quale farà seguito un’esibizione sul lungomare di Patti Marina dello stesso Cairoli insieme ad altri professionisti delle due ruote.

Tony Cairoli, nove volte Campione del Mondo di Motocross

La 3° edizione del  “Tindari Rally” – organizzato dalla scuderia CST Sport – è valido quale nona e penultima prova del Campionato Siciliano della specialità. Attualmente la classifica provvisoria vede in testa i nisseni Carmelo Lanzalaco e Antonio Marchica che dispongono di una Clio N3, alle cui spalle a sole 9 lunghezze c’è il giovane ennese Alessio Di Franco (Clio Williams di Gruppo  A), a sua  volta tallonata ad 1,5 lunghezze dall’equipaggio di Piraino (Messina) composto da  Franco Schepis e Antonino Scaffidi (Peugeot 106 N2).

Per la vittoria in gara pronostici della vigilia a favore di Totò Riolo e Gianfranco Rappa, già vincitori del Trofeo Rally di zona (4°), che tornano a bordo della  Mitsubishi Evo X con la quale si sono imposti lo scorso anno.  Il pilota di Cerda punta alla terza affermazione consecutiva, essendosi aggiudicato anche la 1° edizione (con Alduina alle note). Fra i suoi principali avversari il pilota di casa Giuseppe Schepisi navigato dal giovane nipote Kevin, con il numero sulle fiancate della Clio Super 1600, vettura della quale dispongono anche gli agrigentini  Maurizio Mirabile e Calogero Calderone, l’esperto madonita Filippo Vara con Luigi Aliberto sul sedile di destra, mentre i leader provvisori nel “Siciliano” della S1600 gli altri peloritani Giuseppe Alioto e Alessandro Anastasi saranno al volante della Fiat Punto.

Nei Gruppi lotta serrata per difendere la leadership provvisoria. Tra le vetture Kit della classe K10 sono in testa Antonino Sofia e Angelo Santisi (Peugeot 106), in A5 Davide Scarlata (Peugeot 205), in  N1 assenti i primi due classificati (Mastrosimone e Basile) è pronto a cogliere l’opportunità di scavalcare entrambi Cristian Casella (Peugeot 106). Nella RS 1.6 confronto diretto fra Francesco Di Stefano (Peugeot 106) per l’occasione navigato dalla “slalomista” Angelica Giamboi, contro il più diretto inseguitore  Nino Bertuccio (Citroen Saxo) con Graziella Rappazzo.

Gli iscritti, ben 106, rappresentanti complessivamente ben 30 Scuderie. La parte del leone spetta al sodalizio organizzatore del rally, la CST Sport con 30 equipaggi, ed attualmente 2° nella classifica del Campionato Siciliano – ad un solo punto – dietro all’altra scuderia locale la SGB Rally. 10 sono gli equipaggi della Project Team di Favara, otto della Nebrosport.