Sui Nebrodi Riolo-Rappa sempre al comando

 

Totò Riolo e Gianfranco Rappa (Peugeot 208 T R5), portacolori della scuderia organizzatrice CST Sport, hanno vinto la 19° edizione del Rally dei Nebrodi, disputatosi oggi in provincia di Messina e valido quale 2° prova del Trofeo Rallies Sicilia. Alle loro spalle si sono piazzati due equipaggi della scuderia Project Team di Favara: i locali  Davide Ardiri e Luigi Aliberto (New Clio R3C),

ed i nisseni Gaspare  Corbetto-Salvatore Cancemi (Campioni Siciliani Under 25) con la Peugeot 106 Rally di Gruppo A.

 

Questi sono riusciti a tenere ai piedi del podio i pur bravi Antonino Segreto-Davide Longo, primi  del Gruppo N con la Clio davanti al pubblico di casa.  Quinti assoluti i broleso Filippo Bellini-Alessandra Gregorio (Peugeot 306, primi nel Produzione E, l’ex-Gruppo A delle “Scadute Omologazione”), seguiti dalla coppia di Montalbano Elicona formata da Giuseppe Leonte-Francesco Vercelli (Peugeot 106 Rally ex-Grupo N della Nebrosport), Enzo Pintaudi-Francesco Prestipino (106 Rally gruppo A), poi i palermitani Filippo Gianfilippo-Sergio Raccuja (Citroen SaxoVST/Project Team), Vincenzo Raccuia-Antonino Schepis (Clio RS/N), ed a chiudere la classifica assoluta dei primi 10 Paolo Celi-Graziella Rappazzo (Peugeot 106 Rally) che hanno avuto ragione al fotofinish sui fratelli Francesca e Jessica Miuccio (Clio/N- FR Motosport).

34 i classificati dei 55 che stamane hanno preso il “via” da Gliaca di Piraino, per tagliare  il traguardo di Sant’Angelo di Brolo (dove ieri sera si era svolta la cerimonia di partenza fra due ali di folla), stasera dopo oltre 250 km. di percorso, 60 dei quali formati dalle otto prove speciali. Tutte vinte da Riolo che ha dominato dall’inizio alla fine, lasciando gli avversari lottare fra di loro per le piazza d’onore.

Lunga la lista dei ritirati che ha compreso nell’ordine, fra gli equipaggi più attesi alla vigilia, già nella terza prova i messinesi Armaleo-Vercelli (Peugeot 207 Super 2000), l’equipaggio di Sant’Angelo di Brolo composto da Ferraro-Caputo (Fiesta R5) mentre occupavano rispettivamente la 2° e la 4° posizione. Una prova dopo è stata la volta degli agrigentini Mirabile-Calderone che con la Clio Super 1600 erano 6°,  mentre a due prove dal termine sono stati costretti a fermasi gli altri messinesi Alioto-Anastasi (Punto) i quali occupavano la 2° posizione.

La classifica finale Classifica finale assoluta

Fra le nove autostoriche al “via” il miglior tempo assoluto (anche se questa classifica non è prevista) è stato  realizzato dai i palermitani Angelo Diana e Giuseppe Di Salvo che sulla Bmw 320 hanno vinto il 3° Raggruppamento. Seguiti, in questa ideale graduatoria, da Maurizio e Delia Calabria primi del 4° Raggruppamento sulla R5 GT Turbo. Terzo miglior tempo della giornata per gli altri palermitani Pippo Savoca ed Ernesto Rizzo pure loro su una R5 GT, invece 2° nel 3° Raggruppamento.