Esposto di AciSport, annullate le gare al “Valle dei Templi”

Campionato Bicilindriche
Una fase della gara per le Bicilindriche al Valle dei Templi
sidebar-ad

AciSport-Eps, riprende il braccio di ferro

Un esposto di AciSport, accolto dalla Questura di Agrigento, ha costretto la “Belpasso Corse” ad annullare la 2° prova di “Campionato Nazionale Velocità e Slalom” che si sarebbe dovuta disputare oggi e domani all’Autodromo “Valle dei Templi” di Racalmuto (Agrigento). Competizione indetta sotto l’egida dell’ente di promozione sporiva ACSI, al quale sono associati gli 80 piloti che avrebbero dovuto gareggiare in pista.                         Il Questore di Agrigento ricevuto l’esposto da AciSport che denunciava la mancata omologazione del circuito e la conseguente mancanza del nulla osta federale, ha diffidato nei giorni scorso l’organizzatore e la società proprietaria della pista (Program Group Racing Engineering), a far svolgere la competizione. A nulla è valsa stavolta, contrariamente a quanto avvenuto nel corso degli ultimi quattro anni,  la produzione della relativa certificazione (omologazione e nulla osta da parte di Acsi, ente di promozione sportivo riconosciuto dal Coni).

Stamane pertanto è partito il dietro front degli iscritti che si stavano recando a Racalmuto, e sono state annullate le prenotazioni delle 24 camere (80 posto letto) dell’hotel interno al circuito, e nei numerosi B&B nelle vicinanze.

AciSport  ha ribadito competenza esclusiva di Federazione abilitata alla gestione dello sport automobilstico. Posizione controversa che s’era stata acclarata per le corse su strada (precisata nel vigente Codice della Strada) ma lasciava spazi di interpretazione per le competizioni in circuito. Tanto che i precedenti esposti non avevano prodotto conseguenze, perchè la  “Program Group Racing Engineering”,  aveva potuto produrre le necessarie autorizzazioni (sia da parte del Coni sia da parte di ACSI).

Abbiamo dovuto prendere atto della disposizione delle autorità – spiega rammaricato Michelangelo Romano per conto della società proprietaria – seppure la stessa Questura  in occasioni precedenti aveva verificato la regolarità dell’omologazione dell’impianto e l’autorizzazione da parte dell’EPS, in questo caso Acsi. Adesso saremo costretti ad agire in sede legale per chiarire una volta e per tutto se gli organizzatori di corse automobilistiche hanno libertà o meno di scegliere sotto quale ente affiliato e riconosciuto dal Coni svolgere attività sportiva, così come per i piloti scegliere con chi staccare la licenza. Oppure se vige una situazione di monopolio“.

Qualcuno ha sbagliato continua  Romanoe chi ha sbagliato se ne assumerà la responsabiltà. Noi dobbiamo solo capire se dobbiamo mantenere nel calendario le prossime prove delle gare automobilistiche organizzate dalla Belpasso Corse con ACSI, oppure cancellarle del tutto e proseguire con le altre attività in programma. Intanto insieme alla “Belpasso Corse” avvieremo azione legale nei confronti dei soggetti che hanno illegittimamente, a nostro avviso, bloccato una manifestazione di preminente interesse nazionale autorizzata dal Coni“.

L’ente di promozione sportiva ACSI, riconosciuta dal CONI, ha un suo apparato dedicato al motorsport – si legge in un comunicato diffuso dall’Autodromo – come si evince dal calendario nazionale Coni. La struttura autodromo “Valle dei Templi” di Racalmuto è stata regolarmente omologata per attività automobilistica ACSI 2021. La Belpasso corse aveva tempestivamente ricevuto il “nulla osta”  da parte di ACSI motori per la gara in oggetto. Si precisa altresì che sia la struttura autodromo “Valle dei Templi” sia l’ A.S.D. Belpasso Corse sono coperte da polizze assicurative RCT”

Nel comunicato Program Group Racing Engineering ribadisce che “AciSport non gode di nessuna “posizione dominate” rispetto agli EPS (enti di promozione sportiva) e non ha nessun tipo di controllo o potere autorizzativo su manifestazioni che non competono la loro federazione, ma bensì quella dell’enete di promozione sportiva Acsu. Prova ne sia il calendario Coni”