CIVM: Cubeda si conferma sul podio anche a “Morano”

Domenico Cubeda civm
Domenico Cubeda (Osella FA30-Zytek 3000)

CIVM: Cubeda terzo, Fazzino ritirato

CIVM 2021 sempre più ristretto – nella lotta per il titolo assoluto – al trio composto da Fagioli, Merli e Cubeda che in quest’ordine occupano le prime tre posizioni della classifica generale dopo l’8° prova ed a quattro dal termine (Luzzi, Pedavana, Erice e Nissena),  disputata oggi sui 7,1 km che collegano Morano a Campotenese sul Monte Pollino.

In provincia di Cosenza. Dove ha vinto il toscano Simone Fagioli (Norma), seguito dal trentino Christian Merli e dal catanese Domenico Cubeda (entrambi con le Osella FA30). Tutte spinte dal 3 litri inglese. Fagioli, ieri secondo in prova avendo disputato solo una salita perchè fermato nella prima da noie al cambio, oggi è risultato più veloce in entrambe le manches ed ha chiuso con un vantaggio complessivo di 4″23 sull’eterno rivale Merli. Dietro ai due protagonisti del tricolore e dell’Europeo, Cubeda non perde la scia e colleziona un’altro posto sul podio in questa stagione, seppure sul gradino più basso.

Nella classifica assoluta seguono in comisani Franco Caruso (Norma) e Samuele Cassibba (Osella), rispettivamente in quarta e 11° piazza nella generale in questa gara. L’ultimo consolida il proprio primato nella classe “1000” della categoria motori-moto.

CIVM: i risultati nei Gruppi

Più indietro Cassibba senior, Giovanni, il cui risultato (16°) è sempre positivo considerata la non più verde età, mentre matura esperienza il giovane Agostino Bonforte,  oggi 14°. Prosegue la lotta a distanza nel “femminile” fra la trapanese Martina Raiti (seconda anche nell’under), solitaria nella classe 1600 della CN, con Gabriella Pedroni salda leader con 100 punti di distacco.

Fra gli altri siciliani in gara nel cosentino, in lizza per i titoli di classe del CIVM e del TIVM, primati – in ordine di posizione nell’Assoluta – affermazione solitaria in GT3 del siracusano Ignazio Cannavo con la Lamborghini Gallardo, dei catanesi Angelo Guzzetta (RSP 1600) e  Andrea Currenti (fra le Bicilindriche), e del nisseno Domenico Budano (E1 Italia 1400) davanti l’altro catanese Alfio Crispi. Ritirato a metà di gara 2, Luigi Fazzino, protagonista comunque di un’ottima prima parte di corsa, a conferma dello stato di forma mostrato in questa prima parte di stagione.

Dei 191 verificati di venerdì, 139 si sono classificati in questo appuntamento del Campionato Italiano Velocità Montagna 2021.