Italian F4 Abarth, Bearman a grandi passi verso il titolo

Italian F4 Abarth

Italian F4 Abarth, l’analisi del fine settimana al Red Bull Ring

Il quinto round dell’Italian F.4 Championship Powered by Abarth Certified by FIA è nel segno di Oliver Bearman (GBR – Van Amersfoort Racing) e Tim Tramnitz (GER – US Racing).

Il britannico vince Gara 1, mentre il tedesco, al rientro nella serie, si impone in Gara 2 con pista asciutta e in una rocambolesca Gara 3 che vede i protagonisti costretti a rientrare ai box per sostituire gli pneumatici subito dopo il via a causa delle condizioni di bagnato. Tra i rookie, quello del Red Bull Ring è il fine settimana delle prime volte con le vittorie di Andrea Kimi Antonelli (ITA – Prema Powerteam), all’esordio assoluto nella serie, Francesco Braschi (ITA – Jenzer Motorsport) e Nicolas Baptiste (COL – Cram).

Sul circuito austriaco, immerso nel verde delle Alpi della Stiria, non manca lo spettacolo con 32 monoposto Tatuus motorizzate con il propulsore Abarth T-Jet da 160 Cv, strettamente derivato da quello montato sulle 595 e 695 stradali.

I giovani piloti della serie tricolore promossa da ACI Sport, anche sul tecnico tracciato del Red Bull Ring, hanno dato vita a tre gare avvincenti con continui colpi di scena. Il finale di stagione, con gli appuntamenti del Mugello il 10 ottobre e di Monza il 31 ottobre, sarà fondamentale per decretare i campioni 2021.

Italian F4 Abarth, il report di Gara 1

In gara uno Oliver Bearman (GBR – Van Amersfoort Racing) scatta dalla seconda fila e si porta al comando nel giro di poche tornate, approfittando anche di un errore di Sebastian Montoya (COL – Prema Powerteam) che scivola in terza posizione.

Tim Tramnitz (GER – US Racing) mantiene la seconda posizione fino al traguardo con Bearman che conquista la sua ottava vittoria e Montoya che sale sul podio davanti al suo compagno di team Kirill Smal (RUS – Prema Powerteam). Tra i rookie esordio con successo per Andrea Kimi Antonelli (ITA – Prema Powerteam) che approfitta dello stop di Nikita Bedrin (RUS – Van Amersfoort Racing) per formare un podio tutto italiano assieme a Francesco Braschi (ITA – Jenzer Motorsport) e Lorenzo Patrese (ITA – AKM Motorsport).

I risultati di Gara 2 al Red Bull Ring

Nella seconda Gara, segnata dalle safety car, è Tim Tramnitz a portarsi al comando poco dopo il via su Leonardo Fornaroli. Un contatto tra Joshua Dufek (AUT – Van Amersfoort Racing) e Sebastian Montoya regala a Oliver Bearman la possibilità di arrivare a podio, nonostante la battaglia serrata con Nikita Bedrin, fuori dopo un contatto con il suo compagno di squadra e con Kirill Smal. Tra i rookie prima vittoria per Francesco Braschi, sesto assoluto, sul podio con Charlie Wurz (AUT – Prema Powerteam) e Lorenzo Patrese.

Gara 3 condizionata dalla pioggia

In Gara 3 la pioggia inizia a scendere pochi minuti prima del via, ma i piloti scattano, dietro alla safety car, tutti con pneumatici da asciutto.

Nel corso delle prime tornate la maggior parte dei protagonisti passa alle coperture rain e a spuntarla è ancora una volta Tramnitz, bravo a recuperare posizioni e a passare Joshua Dufek a pochi giri dal termine.

Sul terzo gradino del podio torna, dopo una lunga assenza, Kirill Smal che riesce a resistere agli attacchi di Francesco Simonazzi (ITA – BVM Racing). Tra i rookie vittoria per Nicolas Baptiste che si piazza quinto davanti a Lorenzo Patrese e a Charlie Wurz.

Classifica Italian F.4 Championship Powered by Abarth

1. Oliver Bearman (GBR, Van Amersfoort Racing) 262; 2. Tim Tramnitz (GER, US Racing) 184; 3. Leonardo Fornaroli (ITA, Iron Lynx) 157; 4. Sebastian Montoya (COL, Prema Powerteam) 133; 5 Kirill Smal (RUS, Prema Powerteam) 129.