Italian F4 Abarth, Bearman a grandi passi verso il titolo

Italian F4 Abarth
home-ad

Italian F4 Abarth, l’analisi del fine settimana al Red Bull Ring

Il quinto round dell’Italian F.4 Championship Powered by Abarth Certified by FIA è nel segno di Oliver Bearman (GBR – Van Amersfoort Racing) e Tim Tramnitz (GER – US Racing).

Il britannico vince Gara 1, mentre il tedesco, al rientro nella serie, si impone in Gara 2 con pista asciutta e in una rocambolesca Gara 3 che vede i protagonisti costretti a rientrare ai box per sostituire gli pneumatici subito dopo il via a causa delle condizioni di bagnato. Tra i rookie, quello del Red Bull Ring è il fine settimana delle prime volte con le vittorie di Andrea Kimi Antonelli (ITA – Prema Powerteam), all’esordio assoluto nella serie, Francesco Braschi (ITA – Jenzer Motorsport) e Nicolas Baptiste (COL – Cram).

Sul circuito austriaco, immerso nel verde delle Alpi della Stiria, non manca lo spettacolo con 32 monoposto Tatuus motorizzate con il propulsore Abarth T-Jet da 160 Cv, strettamente derivato da quello montato sulle 595 e 695 stradali.

I giovani piloti della serie tricolore promossa da ACI Sport, anche sul tecnico tracciato del Red Bull Ring, hanno dato vita a tre gare avvincenti con continui colpi di scena. Il finale di stagione, con gli appuntamenti del Mugello il 10 ottobre e di Monza il 31 ottobre, sarà fondamentale per decretare i campioni 2021.

Italian F4 Abarth, il report di Gara 1

In gara uno Oliver Bearman (GBR – Van Amersfoort Racing) scatta dalla seconda fila e si porta al comando nel giro di poche tornate, approfittando anche di un errore di Sebastian Montoya (COL – Prema Powerteam) che scivola in terza posizione.

Tim Tramnitz (GER – US Racing) mantiene la seconda posizione fino al traguardo con Bearman che conquista la sua ottava vittoria e Montoya che sale sul podio davanti al suo compagno di team Kirill Smal (RUS – Prema Powerteam). Tra i rookie esordio con successo per Andrea Kimi Antonelli (ITA – Prema Powerteam) che approfitta dello stop di Nikita Bedrin (RUS – Van Amersfoort Racing) per formare un podio tutto italiano assieme a Francesco Braschi (ITA – Jenzer Motorsport) e Lorenzo Patrese (ITA – AKM Motorsport).

I risultati di Gara 2 al Red Bull Ring

Nella seconda Gara, segnata dalle safety car, è Tim Tramnitz a portarsi al comando poco dopo il via su Leonardo Fornaroli. Un contatto tra Joshua Dufek (AUT – Van Amersfoort Racing) e Sebastian Montoya regala a Oliver Bearman la possibilità di arrivare a podio, nonostante la battaglia serrata con Nikita Bedrin, fuori dopo un contatto con il suo compagno di squadra e con Kirill Smal. Tra i rookie prima vittoria per Francesco Braschi, sesto assoluto, sul podio con Charlie Wurz (AUT – Prema Powerteam) e Lorenzo Patrese.

Gara 3 condizionata dalla pioggia

In Gara 3 la pioggia inizia a scendere pochi minuti prima del via, ma i piloti scattano, dietro alla safety car, tutti con pneumatici da asciutto.

Nel corso delle prime tornate la maggior parte dei protagonisti passa alle coperture rain e a spuntarla è ancora una volta Tramnitz, bravo a recuperare posizioni e a passare Joshua Dufek a pochi giri dal termine.

Sul terzo gradino del podio torna, dopo una lunga assenza, Kirill Smal che riesce a resistere agli attacchi di Francesco Simonazzi (ITA – BVM Racing). Tra i rookie vittoria per Nicolas Baptiste che si piazza quinto davanti a Lorenzo Patrese e a Charlie Wurz.

Classifica Italian F.4 Championship Powered by Abarth

1. Oliver Bearman (GBR, Van Amersfoort Racing) 262; 2. Tim Tramnitz (GER, US Racing) 184; 3. Leonardo Fornaroli (ITA, Iron Lynx) 157; 4. Sebastian Montoya (COL, Prema Powerteam) 133; 5 Kirill Smal (RUS, Prema Powerteam) 129.