Rally di Cefalù, Proserpina, Targa Florio: tutto pronto

home-ad

Rally: partirà da Cefalù la 50° stagione della specialità

Comincia a comporsi il puzzle della stagione rallistica in Sicilia che scatterà sabato 19 e domenica 20 marzo con il Rally Cefalù Città Turistica, appuntamento valido per il Campionato Regionale Autostoriche.

La gara cefaludese,  organizzata dalla società Tempo di Eros Di Prima, precede il ritorno sulla scena del Rally di Proserpina,  classica siciliana assente da ben 11 anni.  A queste due seguirà la gara clou della stagione: la Targa Florio Rally la cui 106° edizione sarà valida per il Campionato Italiano Rally Assoluto oltre che per il “Tricolore” Autostoriche, per i Campionati di Zona moderne e storiche e per il Siciliano. 

Cefalù: stop alle iscrizioni lunedì 14

Prosegue “spedita” la macchina organizzativa del prossimo Rally Città di Turistica e Historic Rally Cefalù,  che aprirà la stagione del rallies in Sicilia. In attesa di conoscere dell’elenco degli iscritti, l’organizzazione ha confermato le speciali che “animeranno” il week-end del 19 e 20 marzo, con la “Ferla” che aprirà le “ostilità” il sabato pomeriggio, subito dopo la cerimonia di partenza, e sarà affrontata solo una volta.

Domenica, invece, sono in programma due prove da affrontare tre volte ciascuna: la “Cefalù” (7,9 chilometri) e la “Pollina” (8,6 km.)  per un totale di 56 km di frazioni cronometrate. Il Lungomare Giardina di Cefalù sarà come da tradizione sede di partenza ed arrivo delle due gara. Sabato 19 marzo la prima vettura scatterà alle ore 18,00, mentre la conclusione definitiva avverrà domenica 20 a partire dalle 18.15 dopo  dopo 273 km tra prove e trasferimenti.

Per quanto riguarda gli iscritti, già confermata la presenza alla competizione del cefaludese Marco Runfola, navigato dalla moglie Corinne Federighi su Skoda Fabia R5, stessa vettura della quale disporrà  “Pino Pic”. Il figlio d’arte Runfola lo scorso anno vinse con la Clio R3 il “Cefalù Corse“.

Al “via” anche l’altro madonita Filippo Vara (Renault Clio), l’ex-Campione Italiano di F.Azzurra, il riberese Giuseppe Termine che dopo l’esperienza alla “Targa” dello scorso anno torna a schierarsi in un rally con la Mitsubishi Lancer e le S1600 di Franco Molica, Riccardo Arceri e Antonio Provenza. Non sarà da meno il parterre delle Autostoriche, con le Porsche 911 di “Gordon”-Cicero, Natale Mannino-Giacomo Giannone, Raffaele Picciurro, Angelo Lombardo, Quintino Gianfilippo e Michele Buggea, oltre l’Opel Ascona 400 di Alfredo Altopiano, la BMW M3 di Pierluigi Fullone, la 320 di Totò Battaglia e la Fiat Uno Turbo di Salvatore “Totò” Parisi.

L’indimenticato primo Presidente dell’Autodromo di Pergusa, Rino Mingrino “Starter” al Rally di Proserpina del 1984

Rally Proserpina valido anche per il Siciliano Autostoriche

Oltre che per le Moderne, la 27° edizione del Rally di Proserpina, round inaugurale del Campionato Regionale 2022, avrà validità anche per le Storiche.

Lungo i 55 chilometri di speciali tra l’Autodromo di Pergusa e i colli ennesi, in programma sabato 2 e domenica 3 aprile dopo ben 11 anni (l’ultima edizione si è disputata nel 2011 e vinsero Luca Pedersoli e Matteo Romani su Citroen C4 WRC), all’ombra di Enna che – riprendendo la tradizione – ospiterà la cerimonia di partenza da Via IV Novembre.

In autodromo – dove sono ubicati Direzione Gara e relativi servizi e dove avrà luogo la premiazione subito dopo l’arrivo – si svolgeranno lo shakedown del sabato, e sempre in pista si disputerà  la prova speciale “Autodromo Pergusa“, lunga 2 chilometri. Il programma della giornata di gara sarà completato dalle PS “Villa del Casale” (15 km) ed “Erbavusa” (10), da ripetere due volte ciascuna.

Tra speciali e trasferimenti i piloti dovranno completare 266,36 chilometri. La prima edizione, ricordiamo, è targata 1979, con la coppia Garaja-Gattuccio (Porsche 911) sul gradino più alto del podio, mentre negli anni ’80 fu prova finale dell’allora Coppa Italia, oltre che una delle finali del TRN quando questo si disputava su tre prove.

targa florio
Marco Pollara e Daniele Mangiarotti alla Targa

Rally Targa Florio: il programma della 106° edizione

L’Automobile Club Palermo organizzatore della manifestazione, ha ufficializzato il programma della 106° edizione del Rally Targa Florio, appuntamento valido non solo per il Campionato Italiano Assoluto Rally Moderne, ma anche per il “Tricolore” Autostoriche, la Coppa di Zona (5°) e ovviamente per il Regionale. Il quartier generale della competizione e i servizi, come lo scorso anno, saranno posizionati al Molo Trapezoidale del porto di Termini Imerese, mentre la Direzione gara verrà ospitata presso l’Hotel Acacia Parco dei Leoni a Campofelice di Roccella.

Il percorso del CIAR consisterà in 15 speciali tra venerdì e sabato, con un totale di chilometri cronometrati di 125,9 (584 se si considerando anche i trasferimenti). Le vetture iscritte alla gara delle Autostoriche e della Coppa di Zona, invece,  affronteranno un percorso “ridotto” sia in termini di speciali che di chilometraggio: le prime si daranno battaglia lungo 11 “piesse” per un totale di 108 km cronometrati, mentre il numero delle seconde scenderà a sei con il tempo totale che sarà calcolato su 64,1 km.

La tre giorni si aprirà venerdì 6 maggio con una prova di shakedown da 2,9 chilometri lungo la SP 121 Cangemi, mentre alle 14.00 dello stesso giorno ci sarà la cerimonia di partenza dal Molo Trapeziodale di Termini Imerese. Arrivo previsto sabato 7 alle 16.41 presso il Belvedere Principe di Belmonte a Termini Imerese.