La morte di De Luca: denuncia dei familiari, aperta l’inchiesta

Emilio De Luca
Emilio De Luca

De Luca venerdì sera si era recato al Pronto Soccorso

Sulla morte per infarto di Emilio De Luca i familiari vogliono vederci chiaro e dopo la denuncia della moglie la Procura di Trapani ha aperto un inchiesta, avviata dal PM di turno mentre il fascicolo dev’essere ancora assegnato, ed ordinato l’autopsia che verrà eseguita al Cimitero di Alcamo (la salma si trova all’obitorio dell’Ospedale).                      Si è appreso che venerdì sera – dopo aver disputato le prove libere della gara sul circuito cittadino di Castellamare del Golfo (Trapani) –  De Luca si era recato al Pronto Soccorso dell’ospedale di Alcamo perchè accusava forti dolori al petto. E’ stato pero dimesso e l’indomani ha regolarmente disputato le prove. De Luca (che avrebbe compiuto 35 anni nel prossimo mese di luglio), è  deceduto domenica pomeriggio all’Ospedale di Alcamo, dov’era giunto in ambulanza dalla vicina  Castellamare del Golfo dopo il malore accusato mentre era schierato in griglia di partenza per la finale della “125 Day“. De Luca si è tolto il casco e subito dopo si è accasciato. I soccorsi sono stati immediati – sul posto vi erano il medico di gara Roberto Mollica ed il personale della Croce Rossa di Alcamo.

I sanitari resisi conto dello stato di gravità hanno praticato il massaggio cardiaco prima di trasportarlo in ospedale. Da dove qualche ora dopo è arrivata la notizia del decesso per infarto, mentre intanto la competizone era stata annullata. La gara sul circuito cittadino di Castellamare del Golfo (Trapani) della quale lo stesso De Luca era stato il promotore ed in virtù di questo ruolo aveva sfilato in testa nella tradizionale presentazione dei piloti al pubblico ed all’autorità, Karting Sicilia sarebbe stata valida quale 2° prova del Trofeo Circuti Cittadini.

Dopo le prove libere del venerdì, sabato si erano disputate le prove ufficiali, domenica erano in programma le gare delle diverse categorie. La prima delle quali – dopo pranzo – era proprio quella della “125 Day” (categoria riservata agli amatori) dove gareggiava De Luca, ch’era stata interrotta a seguito di un incidente senza conseguenze per i piloti, e si era quindi reso necessario procedere con un secondo schieramento per una nuova partenza. Che non mai stata data ed alla quale invece è seguita la definitiva interruzione in attesa di avere notizie sulle condizioni di De Luca. La notizia finale è stata quella peggiore.  Adesso l’inchiesta giudiziaria dovrà appurare si vi sono state o meno delle responsabilità.