CIVM: Caruso sul podio a “Fasano”

Franco Caruso ( Scuderia Vesuvio , Norma M20 FC #18)

CIVM: i risultati dei siciliani nel primo round della stagione

Franco Caruso ha chiuso al terzo posto la 63° Coppa Selva di Fasano, prova inaugurale del Campionato Italiano Velocità Montagna 2022.

Il comisano, dopo le buone performance mostrate nelle prove ufficiali di ieri pomeriggio, ha sfruttato al massimo il potenziale della propria Norma M20FC di classe 3000, chiudendo le due manche odierne con un tempo complessivo di 4’29″63, circa 14″ alle spalle del campione italiano in carica, il fiorentino Simone Faggioli (Norma M20 Bardhal FC/3000).

Tra di loro si è piazzato il trentino Diego Degasperi su Osella FA30 Zytek/3000. Per il pilota siciliano, veterano della specialità e già protagonista nel “Tricolore” dello scorso anno, si tratta di un bel risultato che alza il morale in vista delle prossime prove.

Si è concluso con un ritiro invece il fine settimana dell’altro pilota siciliano “atteso” a Fasano, ovvero Luigi Fazzino. Il siracusano di Melilli, in gara con la stessa Osella PA2000 Turbo con cui è salito sul gradino più alto del podio alla Val d’Anapo Sortino di due settimane fa, è incappato in un ritiro poco dopo la metà di Gara 1. Stessa sorte è toccata  al nisseno Orazio Carfì (Tatuus Renault/2000), fuori già nel corso della prima manche.

CIVM: i risultati dei siciliani nei gruppi e nelle classi

Nella E1 Italia, dopo il buon tempo segnato nella prima salita di giornata, il nisseno Domenico Budano (Peugeot 205/1400) non ha preso parte alla seconda prova del pomeriggio per un problema tecnico alla sua vettura.

Questo, ovviamente, non gli ha permesso di chiudere nel migliore dei modi questo fine settimana a “Fasano”. Stessa sorte è toccata all’etneo Angelo Guzzetta, protagonista di un gran prima manche ma bloccato prima della seconda da un problema alla sua Peugeot.

Nella RS Cup, invece, ha concluso al quarto posto il bergamasco di Favara, Rosario Parrino, in gara non con la “solita” Lamborghini Huracan Gran Turismo, bensì con Seat Leon Cupra Competition/TCup2. Non ha preso parte alla gara invece Antonino Torre.

Capitolo bilindiche: al terzo posto si è classificato il catanese Sebastiano Lizzio (Fiat 500/Gr.5), mentre sesto l’altro etneo Antonino Caltabiano (500 Giannini/Gr.5). Nella Racing Plus, invece, si sono piazzati in ordine di classifica assoluta Salvatore Venuti (Peugeot 106/1600), Salvatore Fichera e Sandro Belmonte, entrambi su 106/1400, rispettivamente terzo, settimo e nono. 12° invece Mariano Minore (Mini Cooper turbo 1600).