CIVM: Caruso e Fazzino a ridosso del podio alla Luzzi-Sambucina

Franco Caruso in azione con la Nova Proto NP01-2
home-ad

CIVM: i piazzamenti dei siciliani nel terzo round del “Tricolore”

Piazzamenti a ridosso del podio per Franco Caruso e Luigi Fazzino alla 26° Cronoscalata Luzzi-Sambucina, terzo appuntamento del Campionato Italiano Velocità Montagna 2022. Dopo i riscontri cronometrici ottenuti nelle prove ufficiali di ieri pomeriggio, il comisano e il siracusano di Melilli si sono confermati nelle zone di vertice della classifica, sfiorando il colpo “grosso” al termine delle due manche andate in scena oggi nel cosenzano.

Caruso, a “Luzzi” non con la ben rodata Norma M20FC che solitamente usa nelle gare del “Tricolore”, bensì con una Nova NP-01 Zytek/3000, vettura già utilizzata lo scorso anno in alcune gare regionali, ha fermato il cronometro nella “combinata” in 6’31″58, sette secondi circa più lento del potentino Achille Lombardi (Osella PA2000), terzo sul podio alle spalle di Simone Faggioli (Nova M20 FC Zytek/3000) e Domenico Scola (Osella Pa21S – Honda), portacolori della palermitana Ateneo.

Alle sue spalle, invece, lontano circa tre secondi, si è piazzato Fazzino (Osella PA2000 Turbo), bravo comunque a restare in scia ai migliori in questo terzo round del “Tricolore”. Scorrendo la classifica assoluta, in 15° posizione, troviamo il veterano della specialità, Gianni Cassibba, alla prima uscita stagionale al volante della propria Osella PA30 Mugen Honda/3000, mentre ha dovuto alzare bandiera bianca il catanese Luca Caruso, costretto al ritiro già prima della manche di questa mattina a causa di un problema alla sua Norma.

Con lui si sono ritirati ii catanesi Filippo Cardillo (Peugeot 106 S1600) e Bruno Paravizzini (Renault Clio S2000), oltre a Giuseppe Maugeri (Renault 5 GTT).

TIVM
Luigi Fazzino (Osella PA 2000 Turbo)

CIVM: i siciliani nei gruppi della Luzzi-Sambucina

Nella E1 Italia piazzamento sul podio e leadership tra le 1600 per il catanese Rosario Alessi (Peugeot 106 S16), bravo a piazzarsi davanti al leader della 1600 Turbo, Pietro Ragusa, in gara nel cosentino su una Renault 5 GTT. Solo decimo di gruppo il catanese Antonio Fichera (Peugeot 106 S16), ma comunque sul terzo nella classe 1600.

Il messinese Antonino Torre (Renault Clio) ha chiuso sesto tra le Racing Start Cup, mentre tra le “Plus” non è riuscito ad andare oltre la quarta piazza Angelo Guzzetta (Citroen Saxo VTS), anche se l’etneo si è potuto “consolare” con la vittoria tra le 1600.

Scorrendo la classifica del gruppo troviamo sesto Angelo Russo, terzo nella stessa classe di Guzzetta, la 1600, 13° Davide Gravina e 18° Salvatore Fichera, tutti su Peugeot 106. Gli ultimi due hanno portato a casa il primo e il terzo posto tra le 1400. Infine, tra le Racing Start, 30° crono per il catanese Alfredo La Spina (Citroen C2/1600).

Storiche: Quintino leader nel Quarto

Nella categoria riservata alle vetture Storiche, leadership nel Quarto Raggruppamento e secondo crono nella classifica generale per il madonita Quintino Gianfilippo (Opel Kadett/A2000). Sesto assoluto invece il trapanese Francesco Maltese, in grado di portare la propria Giannini 650 Np) al terzo posto nel Secondo.

Luzzi-Sambucina, i risultati