Coppa Nissena: Conticelli chiude il CIVM con un podio

Francesco Conticelli (NP01/3000)

Coppa Nissena, i risultati nelle Moderne e nelle Autostoriche

Secondo podio in due gare per Francesco Conticelli. Dopo il terzo posto conquistato alla Monte Erice della scorsa settimana, il trapanese, al volante dell’ormai fida Np-01/3000, è riuscito a confermarsi con lo stesso piazzamento anche alla 67° Coppa Nissena, round del “Tricolore” Moderne e Storiche. La competizione lungo il percorso da 5.75 km tra il Bivio Capodarso e il Villaggio Santa Barbara rientrava all’interno delle iniziative per il “Centenario” della corsa, la cui prima edizione si è svolta nell’ormai lontano 1922.

Il trapanese, a conferma dell’ottimo stato di forma mostrato nelle ultime prove del “Tricolore”, è riuscito a ribadire gli intertempi nelle prove di ieri, staccando un crono complessivo tra Gara 1 e 2 di 4’11″28, circa otto secondi più lento del vincitore, il fiorentino Simone Faggioli (Norma M20FC/3000), dominatore “assoluto” della corsa con un tempo di 4’03″07. Tra i due, al secondo posto, si è piazzato il trentino Diego Degasperi (Osella PA30/3000), il quale non è riuscito ad andare sotto un crono complessivo di 4’10″24.

Il comisano Franco Caruso e il suo “ononimo” catanese Luca, entrambi al volante di una Norma M20FC rispettivamente di classe 3000 e 2000, si sono piazzati in quarta e sesta posizione, divisi dal pilota calabrese Luca Ligati (Osella PA21-S/2000), mentre a seguire si è classificato il comisano Samuele Cassibba (NP01-02/2000). Infine, sempre all’interno della top dieci, con il tempo crono assoluto, ha trovato posto il trapanese Vincenzo Conticelli al volante della propria Osella PA30 Evo/3000.

Da segnalare un brutto episodio legato ad Andrea Raiti: durante la seconda manche, infatti, il trapanese ha dovuto “stoppare” a bordo strada la propria Osella PA21S/2000 per un principio di incendio. Attimi di paura ma che fortunatamente sono rimasti tali.

Coppa Nissena: i risultati nei Gruppi

Nei gruppi hanno svettato – in ordine di posizione assoluta – oltre ai già citati Faggioli (E2SC) e Degasperi (E2SS), anche Salvatore Miccichè (CN), Giovanni Loffredo (RS Cup), Pietro Ragusa (E1 Italia), Roberto Megale (RS Plus), Lucio Naselli (E2SH), Alessandro Fonti (Prod.E), Gaspare Rizzo (Prod.S), “GabryDriver” (A) e Angelo Loconte (RS).

Ciro Barbaccia (Stenger Osella 2500)

Autostoriche: Barbaccia davanti a tutti

Per quanto riguarda la gara riservata al CIVSA, dopo il secondo crono nelle prove di ieri, Ciro Barbaccia si è issato al comando della classifica combinata tra Gara 1 e 2. Dopo il secondo posto alla Monte Erice, il preparatore-pilota palermitano ha confermato l’ottimo feeling al volante della propria Stenger Osella 2500 di Quarto Raggruppamento, fermando i cronometri sul 5’08″04, solo 52″ millesimi più rapido della Lucchini SP/3000 di pari Raggruppamento condotta dal palermitano Antonio Piazza.

A seguire i primi quattro più veloci del “Terzo”, ovvero il messinese Salvatore Caristi (Fiat 128 Berlina/1300), il campano trapiantato in Sicilia, Francesco Avietabile (BMW 320i/2000), il palermitano Giuseppe Gianfilippo (Porsche 911 SC/2500) e l’etneo Andrea Marziano, alias “Aeron“, (Renault 5 GT Turbo 2000). Il palermitano Gianfilippo Quintino (Alfa Romeo Alfetta GT/2000), con l’ottavo crono assoluto, si è affermato nel Secondo, mentre nel Primo ha svettato la BMW 2002 Ti/2000 del palermitano Giuseppe Riccobono.

Coppa Nissena, i tempi