Salite: Conticelli davanti a tutti alla Monti Iblei

Francesco Conticelli | Foto: Manuel Marino

Salite: gran finale del Siciliano e del TIVM Sud

A conferma delle ottime prestazioni mostrate negli appuntamenti del “Tricolore” andati in scena lo scorso mese, la “Monte Erice” e la Coppa Nissena, Francesco Conticelli si è aggiudicato il gradino più alto del podio alla 65° Monti Iblei, round conclusivo non solo del Campionato Siciliano Salita Moderne e Storiche, ma anche del TIVM Sud.

A bordo della sempre competitiva Nova NP-01/3000, il marsalese è riuscito a conquistare il primo successo della stagione, ottenendo un tempo tra Gara 1 e 2 di 5’01″11, circa due secondi e mezzo più rapido del comisano Franco Caruso, in gara a “Chiaramonte Gulfi” sull’ormai ben rodata Norma M20 FC di classe 2000. Sul terzo gradino del podio l’altro il siracusano di Melilli, Luigi Fazzino, il quale, in attesa di conferme ufficiali, dovrebbe essersi aggiudicato il “Siciliano” di specialità ai danni del catanese Luca Caruso e il TIVM Sud.

Luigi Fazzino

In quarta posizione si è classificato il comisano Samuele Cassibba (Np-01 Evo/2000), lontano circa due secondi dal terzo gradino del podio occupato da Fazzino, seguito dall’altro contendente per il titolo, Caruso (Norma M20 FC/2000) e il papà del vincitore della corsa, ovvero Vincenzo Conticelli (Osella PA30 Evo/3000). Settimo il calabrese Luca Ligato su Osella PA21S/2000, bravo a lasciarsi alle spalle il veterano della specialità, “Gianni” Cassibba (Osella PA30/3000), e il ragusano Orazio Marinelli (Norma M20FC/2000), primatista tra le vetture CN. Completa la graduatoria dei primi dieci il pilota di Catanzaro, Francesco Ferragina, in gara a “Chiaramonte Gulfi” sulla sempre competitiva Elia Avrio ST09/1000.

Franco Caruso | Foto: Manuel Marino

65° Monti Iblei: i primati nei gruppi

Nei gruppi hanno svettato – in ordine di posizione assoluta – oltre ai già citati Conticelli (E2SC) e Marinelli (CN), anche Darren Camilleri (E2SS), Rosario Alessi (E1), Lucio Naselli (E2SH), Raffele Gurrieri (RS Cup), Angelo Guzzetta (RS Plus), Rosario Di Benedetto (Produzione E), Fabio Caponetto (A), Sebastiano Gatto (Produzione S), Francesco Beninati (N), Francesco Cicalese (RS) e Francesco Fichera (BIC). 

Barbaccia vince ancora tra le Autostoriche

Per quanto riguarda la graduatoria riservata alle Autostoriche, il più veloce è stato Ciro Barbaccia, in grado di confermarsi al vertice a bordo della propria Stenger Osella di “Quarto”. Il pilota-preparatore marinese, già più rapido nell’ultima prova disputata a “Caltanissetta”, si è lasciato alle spalle, nell’assoluta e nel Raggruppamento, il palermitano Antonino Piazza (Lucchini SP90 Alfa Romeo).

Ciro Barbaccia | Foto: Manuel Marino

Terzo posto per il primatista del “Terzo”, il messinese Salvatore Caristi (Fiat 128), seguito dal concittadino Manlio Munafò (Lucchini BC Sn 3000) e dall’etneo “Aeron“, alias Andrea Marziano (Renault GT Turbo), entrambi iscritti nel Quarto. Nel “Secondo” il più veloce è stato Edoardo Piazza, 8° assoluto al volante della propria BMW 2002, mentre nel “Primo” ha svettato Giuseppe Riccobono a bordo di una vettura similare (10° assoluto).

Monti Iblei, le classifiche