Pergusa, monta la rabbia per l’esclusione dal GT

Pergusa non accetta in silenzio la decisione di AciSport. Sgrò: avevamo chiesto un secondo week-end

Arriva a Enna la notizia che filtra dal “Mugello” (dov’è in corso una gara del Campionato Italiano GT e Formula 4) dell’esclusione dal calendario del Campionato Italiano GT Endurance 2024 dell’Autodromo di Pergusa e non tarda la reazione del Presidente dell’Autodromo ennese Mario Sgrò: “non nascondo il mio rammarico – esordisce al telefono – ch’è quello di tutti i componenti lo staff del Consorzio Ente Autodromo Pergusa. Malgrado gli sforzi ed i sacrifici che continuiamo a fare nel migliorare la struttura e nell’accontentare tutte le istanze pervenute, nessun segnale di incoraggiamento a continuare su questa strada ci viene dato dalla federazione AciSport. Per quanto riguarda la “barzelletta” della lontananza di Pergusa essa è troppo vecchia e superata dai fatti dato che le tariffe dedicate del nuovo partner Grandi Navi Veloci annullano le differenze di costo

Mario Sgrò è un fiume in piena: “adesso inizieranno i lavori nella palazzina, c’è un Ente di getione sano, troviamo gli sponsor, ma ci vengono negati i grandi appuntamenti nazionali sui quali si è basato il progetto di rilancio dell’unico autodromo internazionale da Roma in giù. Inoltre la decisione unilaterale di AciSport danneggia nei confronti delle filiali nazionali delle case automobilistiche impegnate nel motorsport (Bmw, Mini, Renault, Smart fra queste) sia noi e non solo in termini di imnagine e opportunità di lavoro sia i concessionari regionali delle stesse marche. Senza dimenticare i clienti che vengono emarginati da queste decisioni. Già in passato i Concessionari siciliani si erano lamentati del fatto che i rispettivi monomarca non avessero inserito Pergusa nei calendari. Ne era seguito un imbarazzante ping-pong di responsabilità ma la situazione non cambia. Non è accettabile che Imola, Mugello e Monza ospitino due gare delle stessa serie e gli altri stiamo a guardare. Allora non li chiamino Campionati Italiani ma interregionali”“.

Non è possibile subire sempre. Se da parte di AciSport non c’è l’adeguato interesse nei confronti di Pergusa, della città di Enna, della Sicilia ed il rispetto del nostro lavoro forse dovremo guardare altrove per altre serie ed altri Campionati da ospitare così come stiamo facendo con le Storiche. Pretendiamo e meritiamo rispetto. Valuteremo la direzione futura da intraprendere conclude amaro Sgrò.

Abbiamo contattato Marco Rogano per una replica alle dichiarazione di Mario Sgrò, ma l’Amministratore Delegato di AciSport ha preferito non commentare.

Condividi questo articolo