Qualifica complicata per Gabriele Minì ad Imola

Minì, obiettivo rimonta in una Feature che potrebbe rivelarsi bagnata

Non è stato il venerdì di qualifica che Gabriele Minì immaginava per il round di Imola, teatro del terzo appuntamento del Campionato Internazionale di Formula 3 2024.

In una sessione caratterizzata dal traffico e dalle sbavature, che spesso hanno costretto il Direttore di Gara ad esporre la bandiera rossa, il marinese della Prema non è riuscito a fare meglio della settima piazza con un crono di 1’32″178, accusando un gap dalla vetta di circa quattro decimi.

Autore di due time-attack con gomme nuove, rispetto ai tre dei piloti Trident che occupano le prime tre posizioni dello schieramento (nell’ordine Santiago Ramos, Leonardo Fornaroli e Sami Meguetounif), il siciliano ha perso l’opportunità di ottenere il massimo della performance nel penultimo attacco al tempo (tanto traffico nel giro di lancio e nel primo settore), mentre nell’ultimo – con gomme già al limite – ha ottenuto un “fucsia” nel T1, ma ha perso tempo nel T2 e commesso una sbavatura in uscita dalla “Rivazza” che non gli ha permesso di ottenere un piazzamento migliore sulla griglia di partenza.

Minì scatterà ad Imola dalla quarta fila

Un venerdì sicuramente non positivo, considerando le attese di inizio fine settimana, che il portacolori della Alpine Academy proverà a riscattare domani e soprattutto domenica, quando la pioggia – attualmente prevista per la gara – potrebbe mescolare le carte e offrire delle opportunità importanti di rimonta. Ramos ha ottenuto la pole position con un crono di 1’31″767, meno di un decimo più rapido del compagno di squadra Fornaroli. Terzo l’altro portacolori della Trident, Meguetounif, seguito da Arvid Lindblad (Prema), Alex Dunne (MP) e Dino Beganovic (Prema), piazzatosi davanti proprio a Minì.

Appuntamento alle 10.05 di domani mattina per la Sprint Race di questo round “emiliano” del campionato: in virtù dell’inversione dei primi 12, Minì scatterà dalla destra posizione.

© Riproduzione Riservata
Partecipa al dibattito: commenta questo articolo

Condividi questo articolo