GrandPrix: un culto sugli anni d’oro della F1

grandprix

GrandPrix, per gli amanti del genere, rappresenta una pietra miliare

Il film vanta tecniche, per l’epoca, innovative come l’uso di cineprese on- board sulle vetture. L’anno successivo la pubblicazione arrivarono i primi riconoscimenti con gli Oscar per: miglior montaggio (Fredric Steinkamp, Henry Berman, Stu Linder e Frank Santillo), miglior sonoro (a Franklin Milton – MGM SSD) e miglior montaggio sonoro (Gordon Daniel).

I protagonisti principali della trama sono James Garner, nei panni di Pete Aron, ed il suo rivale Jean-Pierre Sarti, impersonato da Yves Montand. Durante la realizzazione del film collaborarono le principali scuderie di Formula Uno dell’epoca. In particolare di BRM, Ferrari e McLaren. Per le riprese vennero anche ingaggiati alcuni piloti, tra questi: Phil Hill, Graham Hill, Richie Ginther, Joakim Bonnier, Jack Brabham.

Nino Farina svolse il ruolo di consulente tecnico e, parzialmente, quello di controfigura di Yves Montand

grandprixGrandPrix: la sintesi della storia

Durante il Gran Premio di Montecarlo, la vettura del corridore americano Pete Aron ha un guasto meccanico. Aron non cede la strada all’inglese Scott Stoddard ed entrambi, dopo una collisione, finiscono fuori strada. Mentre Pete caduto in mare, rimane illeso, Scott resta gravemente ferito e ritorna alle corse dopo lunghi mesi.

Nel frattempo Pete, l’italiano Nino Barlini e il francese Jean-Pierre Sarti si accede la lotta per il campionato. Al termine della stagione automobilistica tutti e quattro i piloti si ritrovano con probabilità di vittoria al Gran Premio di Monza. Sarti finisce fuori posta e muore, Nino Barlini si ritira dalla corsa, mentre Pete riesce a vincere superando Scott sulla linea del traguardo. La storia di intreccia con quella della vita sentimentale dei protagonisti.

Pete ha fatto amicizia con Patt, la moglie di Scott. Nuno ha un’avventura con la giovane Lisa, mentre Jean-Pierre, già da tempo abbandonato dalla migliore Monique, si unisce con Louise, una giornalista americana

SCOPRI LA NOSTRA INIZIATIVA “STIAMO A CASA MA LEGGIAMO”