Ford, resi noti i risultati del quarto trimestre del 2020

ford

Ford Motor Company ha reso noti i risultati del quarto trimestre del 2020

  • Ford Europa ha registrato un EBIT di 414 milioni di dollari nel quarto trimestre – l’utile trimestrale più alto nella regione in oltre quattro anni – e un margine EBIT del 5,8%
  • Nella sua prima fase di trasformazione, Ford Europa ha ridotto i suoi costi strutturali annui di 1,1 miliardi di dollari
  • Tutte e tre le pricipali aree di attività – veicoli commerciali, vetture e import – hanno prodotto profitti nel quarto trimestre
  • Ford ha rafforzato la sua posizione di leadership nei veicoli commerciali, con uno share record nel 2020 del 14,6% (0,7 punti in più rispetto al 2019)
  • Ford prevede di raggiungere gli obiettivi di CO2 sia per le vetture sia per i veicoli commerciali tanto nell’Unione Europea quanto nel Regno Unito nel 2021, senza la necessità di accordi di pooling
  • E’ previsto un continuo miglioramento dell’EBIT nel 2021

FORDFord, una chiusura con forza

Ford Motor Company ha chiuso il 2020 con forza, migliorando non solo le attività automobilistiche e creditizie nel quarto trimestre, ma anche mostrando nuovi veicoli indispensabili progettati per deliziare i clienti. “La trasformazione di Ford sta avvenendo e così anche la nostra leadership nella rivoluzione dei veicoli elettrici e nello sviluppo della guida autonoma”, ha affermato Jim Farley, presidente e CEO di Ford. “Ora stiamo assegnando un capitale combinato di 29 miliardi di dollari e un talento straordinario a queste due aree. Stiamo portando ai clienti SUV elettrici connessi ad alto volume, furgoni commerciali e camioncini”.

I clienti negli Stati Uniti nel quarto trimestre hanno iniziato a prendere in consegna la Mustang Mach-E completamente elettrica. Senza contare gli innesti del Bronco Sport e del pick-up F-150. Questi dovrebbero contribuire in modo significativo ai risultati del 2021.

Nel quarto trimestre del 2020, la società ha generato 1,9 miliardi di dollari di flusso di cassa libero rettificato. E ha concluso l’anno con una liquidità progressiva di quasi 31 miliardi di dollari e totale di quasi 47 miliardi di dollari. Ford ha prodotto EBIT trimestrale rettificato dell’azienda (guadagni prima di interessi e tasse) per 1,7 miliardi di dollari, da 485 milioni di dollari e un margine EBIT rettificato del 4,8%. Il margine EBIT automobilistico è stato del 3,8%. I guadagni sono stati di ampia portata  in gran parte dovuti a prezzi migliori e costi strutturali inferiori.

Nonché alla sovrapposizione con i costi di ratifica del contratto UAW nel 2019. Secondo John Lawler, chief financial officer di Ford, il terzo e il quarto trimestre del 2020 hanno fornito prove dei progressi rispetto al piano.

Gli obiettivi finanziari includono: mantenere un bilancio solido e una rigorosa disciplina nell’allocazione del capitale, traendo maggiori vantaggi dalla riprogettazione in corso del business globale di Ford e del suo portafoglio di prodotti. Mirare inoltre a un margine EBIT rettificato dell’8% – 10% in Nord America e 6% in Europa. Con tutte le regioni redditizie – e un flusso di cassa libero rettificato sano, aumentando la flessibilità finanziaria dell’azienda e Investire in aree strategiche come veicoli elettrici, servizi connessi e veicoli autonomi. I cui ritorni dovrebbero rafforzare ulteriormente il bilancio e alimentare la crescita.

“Stiamo cambiando profondamente la traiettoria del nostro potere di guadagno”, ha affermato Lawler, “liberando l’enorme valore che Ford può creare per i clienti, gli azionisti e gli altri stakeholder”. La società ha migliorato i risultati operativi trimestrali in ciascuna delle sue attività automobilistiche regionali insieme a Ford Credit. L’EBIT cumulativo al di fuori del Nord America è stato di 666 milioni di dollari in più rispetto all’anno precedente. L’EBIT del Nord America è cresciuto del 53% a 1,1 miliardi di dollari. L’aumento è stato attribuito alla gestione della resa e all’assenza di costi di ratifica del contratto UAW nel trimestre, Compensato, come previsto, da volumi di veicoli inferiori a causa dei cambi di produzione in due stabilimenti per introdurre il nuovissimo F-150 2021.

In base all’accordo di contrattazione collettiva UAW-Ford, i profitti al lordo delle imposte dell’azienda in Nord America genereranno circa $ 3.625 in pagamenti di partecipazione agli utili per dipendente idoneo rappresentato da UAW su base annuale. I pagamenti verranno effettuati a marzo. I lanci di nuovi prodotti nel quarto trimestre sono stati effettuati in modo efficiente e di alta qualità. A metà gennaio, la Mustang Mach-E e l’F-150 sono state nominate rispettivamente 2021 North American Utility e Truck of the Year. Con la trasformazione del portafoglio Ford in Nord America quasi completata. Il 97% del suo mix di prodotti nella regione comprende ora autocarri, furgoni e veicoli commerciali.

In Europa, Ford ha registrato un EBIT di 414 milioni di dollari. Si tratta del più alto profitto trimestrale nella regione in oltre quattro anni. E un margine EBIT del 5,8%. Attraverso la prima fase di ristrutturazione, l’azienda ha ridotto i suoi costi strutturali annuali di 1,1 miliardi di dollari. Tutte e tre le aree di attività – commerciale, passeggeri e import – sono state redditizie nel quarto trimestre. Ford ha rafforzato la posizione numero 1 dei suoi furgoni commerciali Transit. Con prezzi netti e condivisione di entrambi.

Le vendite al dettaglio in Cina sono aumentate del 30%. Più velocemente dell’intero settore, poiché la società ha raggiunto il quarto trimestre consecutivo di crescita delle azioni. La quota maggiore è stata spinta, in parte, dalla crescente preferenza dei clienti per le versioni prodotte localmente di Lincoln Corsair e Aviator.

I SUV rappresentavano il 36% del mix di Ford in Cina. I veicoli commerciali – autocarri leggeri, furgoni, autobus e pick-up – rappresentavano il 45%. L’azienda ha ridotto la perdita di EBIT del 68% a 66 milioni di dollari. Il terzo trimestre consecutivo di miglioramento annuale. Ford ha ridotto la sua perdita di EBIT in Sud America per il quinto trimestre consecutivo. Poi a metà gennaio ha intrapreso azioni più energiche per contrastare la domanda industriale persistentemente debole e altre realtà economiche regionali. Ford Brasile ha deciso di cessare la produzione nei suoi tre stabilimenti interni.

L’azienda ora servirà i clienti in Brasile e in tutto il Sud America con servizi e veicoli connessi. Compresi i modelli elettrificati provenienti da altri mercati. Le spedizioni combinate dell’International Markets Group sono aumentate di quasi il 2%, rispetto a un calo del settore del 3%. Assente l’India, IMG è stata redditizia nel quarto trimestre, con Australia e Vietnam tra i mercati nazionali forti.

Una perdita EBIT di $ 62 milioni, inclusa l’India, è diminuita drasticamente rispetto a una perdita di $ 174 milioni lo scorso anno. A dicembre, Ford e Mahindra hanno deciso congiuntamente di non portare avanti la loro joint venture precedentemente annunciata in India. Ford ha detto che sta valutando alternative e priorità di allocazione del capitale nel paese.

FORDRaddoppio sui veicoli elettrici connessi

Farley ha affermato che Ford investirà ora almeno 22 miliardi di dollari nell’elettrificazione entro il 2025. Quasi il doppio di quanto la società si era precedentemente impegnata per i veicoli elettrici. Ha detto che la società è “all in e non cederà terreno a nessuno” nello sviluppo e nella fornitura di veicoli e servizi elettrici connessi nelle principali aree di forza per Ford. Pickup, furgoni commerciali e SUV.

“Stiamo accelerando tutti i nostri piani. Rompere i vincoli, aumentare la capacità della batteria, migliorare i costi e inserire più veicoli elettrici nel nostro piano del ciclo di prodotto”, ha affermato Farley. “Le persone stanno rispondendo a ciò che Ford sta facendo oggi, non un giorno.” La Mustang Mach-E, ha detto, sta ricevendo ottime recensioni da parte dei clienti e della critica. Sarà seguita dal primo furgone commerciale E-Transit (fine 2021) e da un pick-up F-150 completamente elettrico (metà 2022).

Ha aggiunto che i veicoli elettrici saranno fondamentali per il marchio di lusso Lincoln e per la linea commerciale Transit, quest’ultima in una varietà di stili di carrozzeria e interni personalizzati. Lo sviluppo e la fornitura di veicoli connessi da parte di Ford saranno potenziati da una nuova partnership di sei anni con Google annunciata all’inizio di questa settimana. Le due società stanno creando un gruppo collaborativo – Team Upshift – per sbloccare esperienze personalizzate per i consumatori e creare e sfruttare al meglio le opportunità basate sui dati. La relazione aiuterà Ford ad accelerare la sua trasformazione in aree chiave – modernizzazione delle operazioni, interruzione del modo in cui fa le cose, partnership per competenza ed efficienza e creazione di prodotti e servizi indispensabili – attraverso il sistema operativo, le app e i servizi di Google.

Poiché i veicoli elettrici diventano primari nella gamma di Ford, ha detto, la capacità di produzione dedicata per loro si espanderà in tutto il mondo. Ad oggi, la società sta producendo veicoli elettrici o prevede di farlo nel Michigan (F-150); Missouri (E-Transit); due stabilimenti in Canada (SUV); e Messico e Cina (Mach-E), con altri a seguire. prospettiva Lawler di Ford ha affermato che la società era sulla buona strada per guadagnare da $ 8 miliardi a $ 9 miliardi di EBIT rettificato – incluso un guadagno non in contanti di $ 900 milioni sul suo investimento in Rivian – e generare $ 3,5 miliardi a $ 4,5 miliardi di flusso di cassa libero rettificato nel 2021.

Quello scenario anticipato è continuato Miglioramento dell’EBIT in ciascuna delle attività regionali di Ford, ad eccezione del Sud America. Tuttavia, la carenza globale di semiconduttori sta creando incertezza e influenzerà i risultati operativi di Ford per il 2021.

“La situazione dei semiconduttori cambia costantemente, quindi è prematuro cercare di valutare quale sarà la disponibilità per le nostre prestazioni per l’intero anno”, ha affermato. “In questo momento, le stime dei fornitori potrebbero suggerire di perdere dal 10% al 20% della nostra produzione pianificata per il primo trimestre”.

Secondo Lawler, le perdite di produzione in tale intervallo proiettate per l’intera prima metà dell’anno, insieme alle ipotesi per alcune compensazioni dei costi e compensazioni dei volumi nella seconda metà, potrebbero implicare che le carenze ridurranno l’EBIT aggiustato di Ford per il 2021 di $ 1,0 miliardi. per $ 2,5 miliardi. Ha detto che la società si aspetta che gli effetti di cassa e EBIT per l’intero anno siano pressoché uguali, con implicazioni di cassa trimestrali più volatili, dati i meccanismi del capitale circolante dell’azienda. “Il nostro team lavora con i fornitori 24 ore su 24 per ottimizzare la fornitura limitata e ridurre al minimo l’impatto sui profitti, dando la priorità agli ordini dei clienti, al lancio di nuovi veicoli e al rispetto delle normative sulle emissioni di CO2”, ha affermato Lawler. Ford prevede di fornire un aggiornamento sulla questione dei semiconduttori quando comunicherà i risultati finanziari del primo trimestre 2021 il 28 aprile.