Targa Florio: tutti i siciliani protagonisti del rally CIR

targa florio
Runfola-Federighi

Targa Florio: la pattuglia siciliana 
Targa Florio non è solo la corsa più antica del mondo, ma anche la più amata dai rallisti (e non solo) siciliani. Se la partecipazione una-tantum al CIR comporta costi maggiori sia per l’iscrizione sia per il maggior numero delle prove speciali, oltre che confronti spesso impossibili con vetture top, massiccia è stata la presenza di equipaggi siciliani nella gara riservata alle Storiche (33 su 48), e quasi totalmente siculo il parco partenti nella terza gara valida per il CRZ (74 su 77) ma soprattutto per il Campionato Siciliano. 

Targa Florio CIR: tre nei primi 10 e Runfola fra le 2RM

Si spiegano con differenti costi e diverse ambizioni le “sole” 12 presenze siciliane al traguardo (su 61 iscritti) nella gara maggiore, ma la ridotta quantità si è tradotta in grande qualità nei risultati.

Tre equipaggi nei primi 10 dell’Assoluta – e con un parco partenti di prima scelta -nell’ordine l’eclettico Riolo (già vincitore di tre edizioni della Targa-Rally) con il “fido” Marin, ed i giovani Under 25 dell’ACI Team Italia Profeta (con Raccuia) e Pollara  rispettivamente 9° e 10°. Da sottolineare il primato fra le 2 Ruote Motrici (ed il 17° posto assoluto) del cefaludese Marco Runfola (Clio R3C), reduce dalla recente vittoria al rally di casa il “Cefalù Corse” sempre con a fianco la moglie e navigatrice Corinne Federighi.          

Altri protagonisti nella Targa “maggiore”, scorrendo la classifica assoluta, i piloti di Collesano “PinoPic” (Picciuca) con Longo alle note che si è dato da fare con la Polo R5 in una classe affollata di big giungendo al traguardo e 16° assoluto, mentre 24° – e secondo in R3C Filippo Vara (il cefaludese Rizzo alle note).

I risultati nei monomarca

Preceduto nella generale dal cerdese Ernest Riolo, piazzatosi 2° nella combattuta R2B coadiuvato dall’esperto Floris. A seguire (26°) gli Under nisseni Lanzalaco-Marchica che con il secondo posto in R1 compiono un altro passo avanti nel Clio Trophy ch’è il loro obbiettivo stagionale.  Nell’altro monomarca che si disputa con le Suzuki primato di Fichera-Mazzocchi (34°) in RAH con la Swift Sport ibrida, mentre nell’altra classe che interessa i trofeisti della marca giapponese la RA5N l’altro siciliano Denaro (con la romana De Paoli) si è piazzato al 2° posto con al Swift Sport.

Infine primato solitario di Gruppo A e classe (K10) per la piccola Citroen Saxo VTS di Macaluso-Severino (44° su 48° classificati). Sono arrivati in fondo – a prescindere dalla posizione in classifica che passa in secondo piano per i gentleman che hanno il piacere di correre la Targa Florio – anche il siciliano d’adozione Walter Rudolf Ansorge (45°) con Sinatra sulla Peugeot 208. Così come la 500 ibrida assemblata dalla messinese Newton e condotta in gara da Pirola-Orazi. A chiudere la graduatoria dei 48 che hanno tagliato il traguardo al porto di Termini Imerese ieri notte anche Buscemi-Franco (Swift Sport)

La classifica Scuderia

Gara nella gara quella fra i sodalizi siciliani. Dietro al team vincitore Movisport (seguito da Gass e Meteco Corse) si sono piazzati dal 4° al 6° posto La messinese CST Sport (Riolo-Marin, Riolo-Floris, Ansorge-Sinatra) 4° davanti alle palermitane Island Motorsport (Profeta-Raccuia, Runfola-Federighi) e Ateneo (Vara-Rizzo e Lanzalaco-Marchica)