Slalom di Custonaci: tris di Castiglione come da pronostico

Giuseppe Castiglione (Radical SR4-1600) allo Slalom di Custonaci (foto Gallà)

Nel 14° Slalom di Custonaci terza affermazione consecutiva di Giuseppe Castiglione (Radical Sr4-1600)

Giuseppe Castiglione (Radical SR4-1600) ha vinto, per il terzo anno consecutivo, lo Slalom di Custonaci, la cui 14° edizione si è disputata oggi sui 2,5 chilometri che salgono sino alla Città dei Marmi in provincia di Trapani. Con questo risultato il pilota della vicina Buseto Palizzolo, portacolori dell’Armanno Corse, rinsalda la sua posizione in testa alla classifica provvisoria del Campionato Siciliano per il quale è stata valida la gara organizzata dal “Promoter Kinisia”. Castiglione ha segnato il miglior tempo nella terza ed ultima manche, precedendo nella classifica generale i due pilota della TM Racing: il trapanese “Peppe “ Virgilio ed il giovane messinese (primo della Under 23) Emanuele Schillace , pure loro al volante della SR4 ma con motore 1400.

Fuori del podio due dei piloti di casa: Nicolò Incammissa (Trapani Corse) e Vincenzo Pellegrino (CST Sport), con le SR4/1600, fra i quali si è inserito al quinto posto il trapanese Michele Poma (Ghipard) primo fra le monoposto a ruote scoperte. Davanti anche nella generale alla “Junior” di Andrea Foderà (Trapani Corse). Ottavo Pietro Raiti con l’Alba SPS-Kawasaki 1400 (iscritta dalla Catania Corse e costruita a Ciminna dal pilota-costruttore Pietro Alba, che ha concluso 11° con l’altro esemplare). Fra i “Prototipi Slalom”, ma anche ottimo 9° assoluto, affermazione di  “Mimmo”  Ingardia con la prestazionale Fiat 500-Suzuki. Chiude la top ten Andrea Raiti, vincitore di ben cinque edizioni dello “Slalom di Custonaci”, il quale disponeva della sport più potente del lotto l’aggiornata Osella spinta da un’Honda 2000, meno agile fra i birilli e che ha utilizzato la corsa soprattutto per trovare il giusto feeling con l’aggiornata 21S in vista della “Monte Erice” in programma a pochi chilometri di distanza fra due domeniche

Negli alti gruppi (in ordine di posizione nella classifica assoluta), primati di: Giuseppe Raineri (Special/Fiat 127), Pietro Peralta (E1 Italia/Fiat Uno Turbo), Ignazio Bonaviris (N/Peugeot 106 Rally), Tindaro Leggio (VST/Tumminello). Pierluigi Bono (Fiat 500) solitario fra le Bicilindriche, Giuseppe Perniciaro (A/Citroen Saxo),  Salvatore Giacalone (Racing Start/106 Rally), e Vito Calvaruso (R.S. Plus/Saxo). 88 i piloti classificati nella gara valida per la Coppa AciSport di zona, ai quali vanno sommati i 16 classificati dell’Attività di Base dove ha svettato Stefano Sutera con la “Sixty Seven”, ed i cinque concorrenti con le “Storiche” dove ha invece prevalso Salvatore Pumilia (Armanno Corse) con la sempre valida “Fiat 500”.

Salhttp://salita.ficr.it/default.asp?p=Ym9keV9zY2hlZHVsZS5hc3A/cF9Bbm5vPTIwMTcmcF9Db2RpY2U9OTcmcF9NYW5pZmVzdGF6aW9uZT0xNCZwX0xpbmd1YT1JVEE