b2b

Dopo quella giapponese (1988), la Targa australiana. Un raduno Ferrari nel programma

Con un comunicato diffuso nelle scorse ore, è stata confermata l’organizzazione del “Tributo” australiano alla Targa Florio, che si svolgerà lungo le strade dello Stato di Victoria da giovedì 30 novembre a domenica 3 dicembre. Alla manifestazione, organizzata dalla Federazione Automobilistica Australiana (CAMS, Confederation of Australian Motor Sport), sono attesi – secondo le stime degli organizzatori – oltre 200 concorrenti con auto d’epoca – costruite fra il 1906 ed il 1976 (anni di svolgimento della Targa Florio di velocità). Partiranno da Melbourne, capitale di Victoria, dove faranno ritorno dopo quattro giorni e oltre 1100 km di percorso affrontando complessivamente le 40 prove sulle quali si articola la gara di regolarià. Negli stessi giorni si svolgerà il Ferrari Trophy, raduno riservato ad un massimo di 150 possessori di vetture del Cavallino costruite tra il 1977 ai giorni d’oggi.

Il Targa Florio Australian Tribute sarà sostenuto finanziariamente soprattutto dall’agenzia governativa australiana “Visit Victoria” ch’è lo sponsor principale, a fianco del Governo dello Stato Federato di Victoria con il Ministro del Turismo e dei Grandi Eventi in prima fila, tanto da avere annunciato lui – nello scorso mese di agosto in California – le caratteristiche della manifestazione

La presentazione ufficiale in Italia, della manifestazione, avverrà  nei prossimi giorni a Roma (la data non è ancora stata definita),  nel corso di un incontro al quale parteciperà anche l’Ambasciatore Australiano in Italia, oltre ai vertice dell’ACI nazionale e dell’AC Palermo.

Non è la prima volta che della “Targa Florio” viene organizzata una edizione estera, seppure di sola regolarità. Il precedente risale al 1988 quando sulla maggiore delle Isole Awajii in Giappone, nel mese di aprile, si disputò la “Targa Florio Awaji” con caratterisrtiche simili a questa australiana. La “Targa Florio dagli occhi a mandorla” – come venne definita – fu un raduno per auto d’epoca con prove di regolarità a cronometro (su strade aperte al traffico come prevedeva la severa normativa locale), disputatasi in unica giornata sabato 23 aprile lungo un percorso di 165 km. nella maggiore delle Isole Awaji.

La manifestazione venne organizzata da un Comitato pubblico locale, con la collaborazione dell’Automobile Club di Palermo. Che in quella occasione fu rappresentato dall’allora Presidente Lucio Messina, dal Direttore Angelo Troja, e da Nino Vaccarella che ricopriva la carica di Vice-Presidente dell’AC Palermo (oltre che Presidente della Commissione Sportiva). Vi presero parte 35 equipaggi, e vinse Rynichi Danno (Jaguar E Type), davanti all’italiano Domenico Cantatore (specialista di questo tipo di gare e che risiedeva in Giappone), terzo un’altro giapponese (Tetsuya Takahashi). Vennero ammessi e parteciparano modelli scelti fra quelli che avevano effettivamente preso parte all’edizioni valide per il Mondiale di velocità della Targa Florio, con larga rappresentanza di Alfa Romeo, Ferrari, Jaguar e Porsche.

A 29 anni di distanza l’esperienza si ripete e probabilmente quella dell’Internazionalizzazione della “corsa più antica del mondo” potrebbe diventare una serie che interesserà diversi Paesi stranieri

Il Programma della manifestazione:

  • Giovedì 30 Novembre – Dopo le verifiche a Melbourne, la carovana si avviera verso la città di Geelong, passando per Torquay, e tornerà a Geelong per la cerimonia di apertura.
  • Venerdì 1 Dicembre – da Geelong ad Apollo Bay, via Lorne per arrivare a Le vetture saranno traghettate verso la Bellarine Peninsula fino alla Mornington Peninsula
  • Sabato 2 Dicembre – la tappa attraverserà la regione vinicola di Mornington attraverso Red Hill fino a San Remo e poi
  • Domenica 3 Dicembre – Partenza da Healesville per tornare a Melbourne CBD giungendo allo sponsor Village in Albert Park. Cerimonia di premiazione presso Harbour Esplanade,

 

(57)