Salite: la pattuglia siciliana nella prima prova del CIVM

Salite: i siciliani nel Campionato Italiano

Salite tricolori al “via” con la prima di 7 prove (ridottesi ulteriormente dopo la rinuncia della Monte Iblei ch’era stata “promossa” una tantum) : la  46° edizione dell’Alpe del Nevegal (Belluno), che apre il Campionato italiano Velocità Montagna 2020. Stamane – dalle ore 9.30 – sono in programma due turni di prove ufficiali sui 5,5 km del percorso in provincia di Belluno che da Caleipo sale all’Alpe in Fiore

Domani, domenica, dalle ore 9 la partenza della prima delle due manche sulle quali si articola la gara. “Chiusa” al pubblico ma che potrà essere seguita on line sul sito www.acisport.it e sulla pagina facebook @C.I.VelocitaMontagna oltre che sul sito internet dell’organizzatore https://cronoscalatanevegal.com/ anche con dirette streaming.

14 i piloti siciliani fra i 197 verificati (204 erano gli iscritti). Fra questi due coppie di padri e figli: i trapanesi Conticelli con il giovane Francesco (Osella FA30 Evo/Best Lap) a confronto diretto con i big della specialità nella classe 3000 della E2SS,  e papà Vincenzo al volante di un’altra Osella (PA30) che invece nella E2SC avrà fra i suo rivali il comisano “Gianni” Cassibba (Osella-Zytek),  che insieme al figlio, Samuele (Osella PA21 Jrb con motore Suzuki 1000), difendono i colori della “Catania Corse”. Sempre nella classe maggiore della E2SC (sport biposto) il ragusano  Franco Caruso debutterà al volante della  francese Nova Proto Np01.

Nella classe 2000 dello stesso gruppo sfida in trasferta fra il catanese Luca Caruso (secondo lo scorso anno nella gara bellunese), che disporrà dell’aggiornata Osella PA2000-Honda e passato fra le fila della CST Sport, ed il giovane siracusano Luigi Fazzino (20 anni), pure lui su Osella salito di categoria. Fra gli iscritti della CN 2000 l’altro catanese della CST Sport Gaetano Gambino.

 

Luca Caruso
Luca Caruso

Compleanno la pattuglia dei siciliani Giovanni Grasso (Clio) e Salvatore Fichera (Saxo VSt) nella RS Cup, Alessandro Cappello (Peugeot 205/Produzione Evo) e Davide Ignaccolo (Peugeot 106/Produzione Serie), poi il trapanese Antonino Oddo (che vive a Milano) con la Mini Cooper S (RSTB), e l’agrigentino di Bergamo Rosario Parrino (Lamborghini Hurrican) nella GT.