Rally Nebrodi: 103 iscritti tra moderne e storiche

Marco Pollara-Daniele Mangiarotti (Skoda Fabia Evoluzione)

Rally Nebrodi, info e dettagli sulla gara messinese

Sono 103 gli equipaggi che questo fine settimana si daranno battaglia nella 22° edizione del Rally dei Nebrodi, prova valida per il Campionato Siciliano di specialità moderne e storiche. Dopo una pausa lunga due mesi (a causa dello slittamento del “Caltanissetta“, previsto un mese fa, l’ultima gara disputata è stata la 106° Targa Florio la prima settimana di maggio), i rallies torneranno di scena nell’Isola con la “prima” estiva in programma nelle zone di Castell’Umberto e Sant’Angelo di Brolo, centro che ospiterà l’arrivo della corsa.

Rally: 83 moderne al “Nebrodi”

Tra i favoriti alla vittoria finale saranno le Skoda Fabia Evo di classe R5 condotte da Marco Pollara e Roberto Lombardo, navigati rispettivamente da Daniele Mangiarotti e Alessio Spiteri. Il prizzese cercherà di “difendere” il gradino più alto del podio conquistato lo scorso anno, mentre il nisseno punterà a migliorare la seconda piazza della scorsa stagione anche con una vettura diversa (nel 2021 ha affrontato la gara su Peugeot 207 S2000).

Sempre su Fabia Evo cercheranno di dire la propria per le zone di vertice della classifica anche i fratelli Longo, Nunzio e Roberto, mentre con Volkswagen Polo N5 andranno a caccia di buon piazzamento i pattesi Alessandrio Scalia e Davide Masotto. Salvatore Di Benedetto e Gionatan Cazzetta parteciperanno alla “festa” a bordo di una 207/S2000. Il messinese Massimo Cambria, invece, navigherà come da tradizione il romano Fabio Angelucci su Fabia Evo S2000. Infine, su Mitsubishi Lance EVO IX, si presenteranno alle verifiche gli equipaggi composti da Agostino Craparo-Tino Pintaudi e Cristoforo De Miceli-Antonio Marchica.

Marco Savioli-Davis, Porsche 911 RS Team Bassano #206

Storiche: 20 vetture al “via”

Il palermitano Marco Savioli, navigato da “Davis” su Porsche 911 RS/Oltre 2000, giocherà il ruolo di favorito nel Secondo Raggruppamento, mentre nel “Terzo” occhi puntati sui corleonesi Antonio Di Lorenzo e Francesco Cardella (911/Oltre 2000). Nel “Quarto” spiccano le presenze dei madoniti Pierluigi Fullone-Alessandro Failla (BMW M3/Oltre 2000) e di Francesco Ospedale-Giuseppe Lusco (Volkswagen Golf Gli/Fino a 2000), invece nel “Primo” in solitaria Letterio Oliva e Giovanni Bonafede (BMW 2002 Ti/Oltre 1600).

Rally dei Nebrodi: otto speciali su due giorni

La competizione si articolerà su otto “piesse” divise in due giorni: sabato 16 luglio, a partire dalle ore 17.00, ci sarà la partenza delle vetture da Castell’Umberto, con i piloti protagonisti che successivamente affronteranno due speciali sulla “Raccuja-Ucri” (5,40 km), grande novità dell’edizione di quest’anno.

Domenica 17, invece, il programma di gara si completerà con ulteriori sei passaggi sulle storiche “Sant’Angelo di Brolo” (10,55 km) e “Castell’Umberto” (7,60 km), per un totale di 304,58 km comprensivi di trasferimento (65,25 km quelli cronometrati).

Da notare che l’unico riordino del sabato sarà a Raccuja, mentre il parco assistenza e i riordini della domenica, oltre al quartier generale della corsa, a Brolo. L’arrivo è invece previsto a Sant’Angelo di Brolo.

Rally dei Nebrodi, la lista degli iscritti