Finale TIVM: i siciliani impegnati ad “Orvieto”

Luigi Fazzino, vincitore del TIVM Sud e del Siciliano, in azione all'ultima Monti Iblei

Finale TIVM, motori accesi in Umbria

Tutto pronto ad Orvieto per la Cronoscalata della Castellana, finale del TIVM 2022. Dopo una stagione ricca di appuntamenti, i protagonisti del Trofeo Italiano Velocità Montagna, serie divisa in tre “tronconi” (Nord, Centro e Sud), sono “volati” in Umbria per il gran finale di quest’anno, che si terrà, come da tradizione, sui i tornanti che da San Giorgio salgono fino ad Orvieto, per un totale di 2,1 chilometri.

Finale TIVM: il programma del fine settimana

In fase di svolgimento, sempre ad Orvieto, le verifiche tecniche e sportive di rito, le quali verranno ultimate nel tardo pomeriggio. Successivamente, il Direttore di Gara rilascerà la l’ordine di partenza per le prove di domani e quindi l’elenco dei piloti che prenderanno parte ufficialmente alla competizione umbra, giunta alla sua 49° edizione (l’anno scorso a trionfare fu Diego Degasperi). Domenica, infine, le due manche di gara vere e proprie a partire dalle ore 9.00. La classifica finale che assegnerà i primati nei gruppi e nelle classi, oltre che nell’assoluta, verrà stilata in base alla somma dei tempi ottenuti tra Gara 1 e 2.

Il programma della finale del TIVM

civm
Franco Caruso

I siciliani di scena ad “Orvieto”

Tra i 237 iscritti spuntano i nomi di diversi siciliani, pronti a giocare il tutto per tutto pur di garantirsi le posizioni “nobili” della classifica. Tra questi il vincitore melillese del TIVM Sud e del Siciliano, Luigi Fazzino (Osella PA2000 Turbo), e i comisani Franco Caruso, sul podio dell’ultima Monti Iblei (Norma M20 FC Zytec/2000), e Samuele Cassibba, sempre competitivo a bordo della “nuova” Nova Proto NP 01-02 Sinergy/2000.

Tra le biposto presente anche il veterano della specialità, “Gianni” Cassibba (Osella PA30 Mugen Honda/3000), papà di Samuele, mentre tra le monoposto a ruote scoperte cercherà un piazzamento tra i primi il giarrese Orazio Maccarone (Gloria CP7 Suzuki/1600).

Per quanto riguarda la E1, il giarrese Nunzio Ponticello (Peugeot 106) cercherà di giocarsi le proprie chance nella 1400, mentre tra le vetture “Turbo” da seguire con attenzione le performance del catanese Pietro Ragusa, autore fin qui di una stagione con la “S” maiuscola, e del giarrese Giuseppe Maugeri, entrambi su Renault 5 GT. Infine, su Citroen Saxo, l’etneo Angelo Guzzetta andrà a caccia del primato tra le RSP/1600.

46° Cronoscalata della Castellana, gli iscritti