Fazzino straordinario: batte Faggioli e vince la 73° Trento-Bondone

Fazzino vince al debutto alla Tento-Bondone

Impresa straordinaria di Luigi Fazzino nella 73° edizione della Trento-Bondone, quarto appuntamento del Campionato Italiano Supersalita. Dopo gli ottimi riscontri ottenuti nelle prove ufficiali di ieri pomeriggio, chiuse in scia al rivale con un crono di 9’22″84, il melillese è riuscito a “domare” il campionissimo fiorentino Simone Faggioli nella manches ufficiale di questo pomeriggio, ottenendo di fatto la prima vittoria assoluta della carriera in una gara valevole per la serie “Tricolore”.

Fazzino, al volante dell’ormai fida Osella PA30/3000, ha fermato il riscontro nell’unica salita di giornata sul 9’16″80. Un tempo incredibile considerando che il siciliano, fino a ieri, non aveva mai affrontato i 17,3 km che da Trento salgono fino a Vason con una pendenza dell’8,88% e un dislivello totale di 1.350 metri. Il Campione Italiano in carica, invece, con la propria Nova Proto NP01/3000 si è fermato a soli 63 millesimi (9’17″43) dalla “livella” imposta dal vincitore, anche per colpa di una toccata a metà percorso che per sua stessa ammissione non gli ha garantito la fiducia necessaria per ottenere il massimo della performance dalla vettura. Ad ogni modo, come sempre accade nelle gare, chi vince ha sempre ragione e lo stesso pilota fiorentino, nelle classiche dichiarazioni post-gara, non si è risparmiato nei complimenti al rivale.

Fazzino vince al debutto sul Bondone

Per Fazzino si tratta di un risultato quasi epocale, a conferma di un inizio di stagione che lo sta vedendo battagliare stabilmente per le posizioni di vertice della graduatoria assoluta, anche grazie ad un feeling subito immediato con l’ammiraglia di casa Osella. Dietro il duo Fazzino-Faggioli si è classificato il potentino Achille Lombardi su Osella PA214C/2000, mentre alle sue spalle si sono posizionati il trentino Diego Degasperi (Norma M20/3000) e il comisano Samuele Cassibba, bravo ad ottenere punti importanti per la graduatoria del “Tricolore” riservata alle 2000. Cassibba jr, ricordiamo, come Fazzino non aveva mai affrontato il percorso di gara trentino, definito da tutti come l’Università della Salita.

I risultati nei gruppi

Un altro protagonista della domenica di gara a Trento è stato certamente Andrea Di Caro, anche lui per la prima volta in azione sul Monte Bondone. Il nisseno, veloce fin dalle prove di ieri, ha messo insieme una prestazione di assoluto spessore al volante della propria NP03 Aprilia, garantendosi il primato con record tra le vetture 1600. Un altro tassello, di assoluto prestigio, in questa prima parte di stagione vissuta da leader incontrastato della classe. Per quanto riguarda gli altri gruppi e le classi, il trapanese Isidoro Alastra su Mini Cooper JCW ha ottenuto il terzo posto tra le Racing Start Plus e il secondo tra le TB1600, mentre nello stesso gruppo il palermitano Filippo Spinnato (Peugeot 106 Rallye) ha concluso questo fine settimana in Trentino con il nono assoluto e il primo di classe 1400. L’avolese Giuseppe Caruso, su Hyundai i30N, ha chiuso settimo nella TCR. Infine, 14° e 17° posto tra le Gran Turismo per il favarse Rosario Parrrino (Porsche 992 GT3Cup) e il palermitano Matteo Adragna (Porsche 991 GT3 Cup)

© Riproduzione Riservata
Partecipa al dibattito: commenta questo articolo

Condividi questo articolo