CIVSA: i siciliani in azione alla 27° Lago Montefiascone

CIVSA, siculi in azione la 27° Lago Montefiascone

Ad appena sette giorni dalla trasferta a Trento, Salvatore Riolo tornerà al volante per la 27° Lago Montefiascone, quarto appuntamento del Campionato Italiano Velocità Autostoriche Salite (CIVSA) 2024. Autore del migliore riscontro cronometrico sui 17,3 km della cronoscalata tra Trento e Vanzon, il cerdese proverà a ribadire lo status-quo anche nel viterbese, garantendosi altri punti importanti per la rincorsa non solo al titolo “assoluto”, ma anche a quello di Raggruppamento, dove è riuscito ad ottenere tre vittorie in altrettante gare.

Riolo gareggerà sull’ormai fida Paganucci PRC A6 di Quarto Raggruppamento. All’eclettico pilota di Cerda, provenienti dall’Isola, si uniranno anche il trapanese Vito Oddo su Fiat X1/9 di “Terzo” e il palermitano Giuseppe La Rocca su Alfa Romeo GT di “Secondo”. Nel primo, infine, la rappresenta sicula sarà affidata al nisseno Massimo Ferraro (Lancia Fulvia Sport Zagato).

27° Lago Montefiascone, il programma del week-end

La competizione organizzata dall’Automobile Club Viterbo si svolgerà dal 21 al 23 giugno nelle incantevoli località laziali sulle rive del Lago di Bolsena e sul sovrastante famoso centro sulla via Francigena, noto anche per l’ottimo vino. Venerdì 21 giugno il week end si aprirà con le operazioni preliminari e di verifica dalle 9.30 alle 19.00 in piazza del Mercato a Montefiascone.

Le ricognizioni saranno su due manche e scatteranno alle 14.30 di sabato 22 giugno, mentre alle 9.30 di domenica 23 giugno, il Direttore di Gara Fabrizio Bernetti, darà il via a Gara 1 a cui seguirà Gara 2 sulla S.P. Lago di Bolsena. Il tracciato si snoda per 4.150 metri tra le sponde del lago laziale e le porte di Montefiascone, cittadina all’interno della quale è ospitato il Parco Chiuso in Piazzale Roma. Le Premiazioni finali saranno svolte presso il Ristorante isola Blu, sede anche del centro servizi, sul lungolago. 128 gli iscritti totali.

© Riproduzione Riservata
Partecipa al dibattito: commenta questo articolo

Condividi questo articolo