Rally di Cefalù: la sorpresa di Lo Cascio-Cancemi (Saxo)

Nel 2° Rally di Cefalù successo della giovane coppia nissena

Il giovane equipaggio nisseno composto dal pilota Salvatore Lo Cascio (19 anni) e dal navigatore Salvatore Cancemi (20), a bordo di una non freschissima Citroen Saxo VTS in versione kit, si è aggiudicato la 2° edizione del Rally di Cefalù, disputatosi oggi con partenza ed arrivo dal lungomare della cittadina normanna in provincia di Palermo.

I portacolori della scuderia messinese CST Sport, hanno primeggiato in due delle sei prove speciali disputate (secondo e terzo passaggio sulla prova di “Pollina” che insieme a quella di “Ferla” costituivano il tracciato di gara), piazzandosi alle spalle dei leader provvisori, gli altri nisseni Roberto Lombardo e Andrea Spanò (Clio Williams gruppo A), costretti al ritiro però a due prove dal termine e ne avevano vinto tre guidando con comodo margine.  Alle spalle di Lo Cascio-Cancemi si sono così piazzati gli agrigentini  Domenico Gabriele Morreale e Giuseppe Scolaro (pure loro su Clio Williams), i quali sono riusciti a contenere la rimonta dei bergamaschi  Casano- Orio (Clio Super 1600), con all’attivo il primato nella penultima speciale della giornata.

Ai piedi del podio gli altri  agrigentini Giuseppe Fallea-Gaetano Perrera (Peugeot 106/E6 della FR Motorsport), davanti ai trapanesi Andrea Nastasi-Giuseppe Cangemi,  primi di gruppo R sulla  New Clio (Team Del Mago). Sesto posto assoluto, e primo di R2B, per l’altro giovane equipaggio formato dal cerdese Ernest Riolo coadiuvato dal cefaludese Giorgio Genovese sulla Peugeot 208.  La graduatoria dei primi 10 si chiude con  Filippo Vara-Filippo Saja (New Clio), Claudio Martorana-Giovanni Barreca  (Peugeot 208 R2),  Mariano Bruno-Lillo Messineo  (Opel Astra GSI), e Renato Di MiceliVincenzo Verga (Peugeot 106).

Fra i ritiri illustri quello dei favoriti della vigilia il cefaludese Marco Runfola e la navigatrice toscana Corinne Federighi (Clio Super 1600), ko quasi subito e per il secondo anno consecutivi costretti ad abbandonare nel rally di casa.

Il Rally di Cefalù, gara di apertura del Trofeo Rally Sicilia oltre che dell’intera stagione, ha dovuto registrare anche un incidente verificatosi lungo un tratto di trasferimento successivo allo stop di una prova speciale, quando proprio la Saxo del vincitore involontariamente ha investito il navigatore Salvatore Lo Gioco mentre era intento a verificare la pressione dei pneumatici della Peugeot 106 pilotata da Antonino Provenza. Subito soccorso il malcapitato navigatore è stato trasportato all’Ospedale di Cefalù dove è stata riscontrata la frattura scomposta a tibia e perone, per ridurre le quali si è reso necessario l’intervento chirurgico.

Al traguardo di Cefalù Lo Cascio più che commentare la propria gara, e la prima vittoria in carriera per lui ed il navigatore,  ha voluto rivolgere un pensiero al malcapitato collega, dispiaciuto ovviamente di essere stato involontario investitore del navigatore.

La classifica dei primi dieci: 1° Lo Cascio – Cancemi (Citroen Saxo VTS) in 25’46”9; 2° Morreale – Scolaro (Renault Clio Williams) a 8”1; 3° Casano – Orio (Renault Clio S1600) a 14”2; 4° Fallea – Perrera (Peugeot 106) a 14”4; 5° Nastasi – Cangemi (Renault New Clio R3) a 15”1; 6° Riolo – Genovese (Peugeot 208 R2) a 51”2; 7° Vara – Rizzo (Renault New Clio R3) a 52”8; 8° Martorana – Barreca (Peugeot 208 R2) a 1’08”4; 9° Bruno – Messineo (Opel Astra GSI) a 1’08”9; 10° Di Miceli – Verga (Peugeot 106) a 1’11”9

La classifica finale