Rally di Tindari: 120 equipaggi per il gran finale del “Regionale”

Marco Pollara-Daniele Mangiarotti (Skoda Fabia Evoluzione)

Rally di Tindari: domani le operazioni preliminari e lo shakedown

Sono 120 gli equipaggi tra moderne (94) e storiche (26) che si sono iscritti alla sesta edizione del Rally di Tindari, round conclusivo del “Siciliano” Rally 2021. “Mancato” l’appuntamento dello scorso anno a causa del Covid19, CST è riuscita ad imbastire grazie al supporto degli enti locali e di AciSport l’edizione di quest’anno, registrando un numero di iscritti “corposo” che sulla carta carta dovrebbe rendere interessante la giornata di gara prevista per domenica 28 novembre (le verifiche sono previste sabato 27).

Salvatore Riolo, Maurizio Marin (Volkswagen Polo GTI R5 #18, CST Sport)

Lombardo assente ma già campione, Pollara tra i favoriti

Assente a “Tindari” il neo campione del “Regionale”, il nisseno Angelo Lombardo, con alle note il concittadino Domenico Spanò, tra i favoriti ci saranno il prizzese Marco Pollara e il lombardo Daniele Mangiarotti, vincitori a Modena della Coppa CRZ riservata ai piloti Under25. Pollara e Mangiarotti sfrutteranno i chilometri della gara messinese per incrementare l’esperienza al volante del propria Skoda Fabia R5 e per preparare al meglio quello che sarà il programma della stagione 2022.

Grazie al vantaggio accumulato negli scorsi appuntamenti, ricordiamo, Pollara e Mangiarotti non potranno comunque superare in classifica la coppia composta da Lombardo e Spanò, visto che quest’ultimi guidano la classifica generale del campionato con 20 punti di vantaggio proprio sul binomio della CST (“Tindari”, coeff. 1, ne assegna “solo” 15).

Riolo a caccia della conferma

A giocarsi le posizioni di vertice della classifica saranno anche i vincitori dell’ultima edizione andata in scena nel 2019, ovvero Salvatore Riolo con alle note Maurizio Marin. Il cerdese, al comando dell’albo d’oro della corsa con quattro successi, cercherà di confermarsi sul gradino più alto del podio al volante della Volkswagen Polo R5 utilizzata in alcuni degli appuntamenti nazionali andati in scena nel corso di questa stagione.

Da seguire inoltre con attenzione per la graduatoria assoluta anche i messinesi della Nebrosport, Carmelo Galipò e Tino Pintaudi, in gara a “Tindari” su Skoda Fabia, i nisseni della CST Sport, Salvatore Lo Cascio e Michele Castelli (Skoda Fabia), e l’agrigentino Andrea Licata con alle note il palermitano Gianfranco Rappa (Peugeot 208 T16).

Quattro invece le S2000 iscritte alla gara, tra cui spiccano i due equipaggi della Sunbeam M-Sport composti dai messinesi Franco Molica-Carmen Grandi (Renault Clio) e i palermitani Giuseppe Gianfilippo-Sergio Raccuia (Clio), quest’ultimo navigatore d’eccezione grazie alla parallela assenza di Alessio Profeta.

Tra le 2RM si schiererà ai nastri di partenza anche il neo “Tricolore” insieme al fratello Andrea, Giuseppe Nucita, navigato da Domenico Salvo su Peugeot 208 Rally4. A contendergli lo “scettro” di “più veloci” tra le due ruote motrici i palermitani Rosario Mannino e Giuseppe Buscemi (Clio).

Rally di Tindari, il programma della due giorni

Dopo le consuete operazioni di accredito e verifiche, sia tecniche che sportive, i piloti avranno la possibilità di testare le proprie vettura nella prova di shakedown che si snoderà lungo i primi 2,2 chilometri della prova speciale “Moreri“. Successivamente il riordino delle vetture è previsto all’interno della zona industriale di Patti. Da qui, domenica mattina, scatteranno le vetture verso le speciali San Piero Patti (9.34, 13.19 e 17.04) e Moreri (10.28, 14.13 e 17.58) per un chilometraggio totale cronometrato di 52.65.

Tindari, l’elenco degli iscritti

Tabella oraria e tempi