Karting: un infarto uccide De Luca sulla griglia di partenza

Emilio De Luca
Emilio De Luca

Emilio De Luca stroncato da un infarto a Castellammare del Golfo

Giornata nera per il karting siciliano colpito dalla morte del pilota alcamese Emilio De Luca (35 anni), stroncato da un infarto mentre era schierato sulla griglia di partenza della Classe 125 Day (categoria riservata agli amatori) nella gara che si stava disputando sul circuito cittadino di Castellammare del Golfo (Trapani),  valida quale 2° prova del Trofeo Circuiti Cittadini e della quale proprio De Luca era stato fra i promotori dell’organizzazione.

Subito soccorso dal medico di gara Roberto Mollica lo sfortunato pilota è stato trasportato in Ospedale dai mezzi della Croce Rossa di Alcamo presenti per garantire il servizio sanitario, da dove è poi giunta la notizia del decesso.

Emilio De Luca
Emilio De Luca sul suo go-kart (foto tratta da Facebook)

Emilio De Luca era un pilota gentleman del team Mistretta. Le gare, nel primo pomeriggio, erano state interrotte per un incidente (senza conseguenze per i piloti coinvolti) verificatosi nella finale della stessa categoria dove gareggiava De Luca. Rimesso in sicurezza il percorso i piloti si sono schierati per il secondo “via”.  In questa fase lo sfortunato pilota alcamese ha accuso un malore, si è tolto il casco e dopo pochi minuti si è accasciato a terra. Immediati i soccorsi ed il trasporto in ospedale dopo aver praticato sul posto il massaggio cardiaco. In attesa di notizie dall’ospedale gli organizzatori hanno immediatamente deciso per la sospensione sino a quando non è pervenuta “la peggiore che poteva pervenire” si legge in un post pubblicato su Facebook da Karting Sicilia. La notizia si è immediatamente diffusa fra gli addetti e gli appassionati suscitando grande emozione. La pagina di Emilio De Luca su Facebook si sta riempendo rapidamente di messaggi di cordoglio.

La competizione di Castellammare del Golfo era iniziata venerdì con le prove e tutto si era svolto regolarmente nel rispetto di tutte le misure di sicurezza. Valida quale  seconda prova del “Trofeo Italia” si articolava su un circuito ricavato tra le vie della città. Ieri mattino si erano svolte le prove ufficiali, dopo le libere di venerdì (e De Luca aveva affrontato tutte e tre le sessioni), prima di pranzo la tradizionale parata di presentazione dei piloti con De Luca in testa in qualità di promotore della manifestazione.