Succede di tutto a Silverstone, Minì di nuovo leader del campionato

Minì e Prema chiudono una Feature di grande intelligenza a Silverstone

Secondo gradino del podio e leadership del campionato per Gabriele Minì al termine della Feature Race della Formula 3 a Silverstone, teatro del settimo appuntamento della serie cadetta. Al termine di una gara imprevedibile, condizionata dai continui cambi di condizione della pista, il marinese è riuscito a garantirsi punti importanti per la rincorsa al campionato, completando un nuovo sorpasso ai danni del leader Luke Browning. Uno scroscio di pioggia, avvenuto poco prima dello start, ha mescolato le carte sul piano strategico, portando in diversi a montare le gomme rain. Questa stessa scelta è stata fatta da Minì, anche se poi il marinese, già durante il giro di ricognizione, ha scelto di passare alle slick, giocandosi un jolly non di poco conto nel confronto con il rivale (Browning è scattato con le rain).

Da quel momento in poi, tra uno scroscio di pioggia e l’altro, la gara ha vissuto diversi alti e bassi, con la strategia che alla fine ha premiato il marinese e tutti i piloti che avevano optato per le slick. L’assenza dell’umido alla fine della corsa ha permesso alle gomme d’asciutto di funzionare al meglio, garantendo un boost di performance non indifferente. Gabriele, 2° sul traguardo, si è classificato alle spalle di Arvid Lindblad (i due sono arrivati sotto la bandiera a scacchi separati da appena mezzo secondo), mentre a completare il podio si è issato Callum Voisin, l’unico a credere nelle slick fin dallo start.

Solo 8° Browning, scivolato a metà gruppo nelle tornate conclusive della corsa, mentre non è riuscito a fare meglio della 7° piazza Leonardo Fornaroli. In classifica, Minì passa nuovamente al comando con 119 punti all’attivo, sei in più rispetto a Lindblad. Fermo a 112 infine Browning, che chiude il week-end con un bottino ben al di sotto delle aspettative. Appuntamento tra due settimane a Budapest per la terzultima prova di questa stagione 2024.

© Riproduzione Riservata
Partecipa al dibattito: commenta questo articolo

Condividi questo articolo